miércoles, 3 de marzo de 2010

Il caos, come cosa quoidiana

G. Grosz

Immanuel Wallerstein
tarduzione: www.vocidallastrada.com

Una persona sa che sta vivendo una situazione caotica quando:
  • 1) i principali media sono sorpresi costantemente da ciò che accade,
  • 2) previsioni a breve termine dei vari esperti vanno, in modo radicale, in direzioni diverse e sono espresse con molte riserve,
  • 3) l'istituzione osa dire cose o usa parole che una volta erano tabù,
  • 4) la gente comune è spaventata o arrabbiata, ma molto insicura su cosa fare.
Questa è una buona descrizione degli ultimi due anni in tutto il mondo, o almeno la maggior parte del pianeta.
Si considerino le recenti enormi "sorprese," l'elezione di un senatore repubblicano del Massachusetts; il crollo finanziario di Dubai e il quasi fallimento di molti grandi stati all'interno degli Stati Uniti e di quattro o cinque degli Stati membri dell'Unione Europea; le gravi fluttuazioni degli scambi nel mondo.
Queste "sorprese" sono commentate quotidianamente sulla stampa internazionale e dai principali leader. Non tutti sono d'accordo su quanto sta accadendo, e ancor meno su quello che dovrebbe essere fatto per migliorare la situazione. Ad esempio, ho visto solo due dichiarazioni intelligenti circa i risultati delle elezioni negli Stati Uniti.

Una era dello stesso Barack Obama: "La stessa cosa che ha spinto Scott Brown [repubblicano] per alla carica, ha spinto me alla presidenza." "La gente è arrabbiata, e frustrata." La seconda affermazione è quella di Charles M. Blow, editorialista afro-americano del New York Times. Ha intitolato il suo articolo, "La legge della strada." In esso dice: "Diamo il benvenuto alla plebe: un elettorato arrabbiato, ferito, infuriato per la recessione, che marcia alla deriva lungo tutto lo spettro politico, che continua a desiderare il cambiamento, alimentando la sua sete di sangue." Prima ha scelto Obama, ora lo respinge. Perché? "La plebe è volubile."

Cosa stiamo vedendo in California, in Grecia, e nella maggior parte dei governi del mondo? Le entrate del governo sono diminuite, in primo luogo perché ci sono meno entrate fiscali, che a sua volta dipende dal fatto che ovunque la gente consuma meno per paura di rimanere a corto di soldi. Allo stesso tempo, proprio perché la disoccupazione nel mondo è considerevolmente maggiore, crescono le esigenze di spesa che hanno gli Stati.

Quindi gli Stati hanno meno denaro per soddisfare le richieste maggiori. Che cosa puoi fare? Possono aumentare le tasse. Ma i contribuenti non sono disposti ad accettare imposte più elevate. E gli Stati hanno paura che se ne vadano le imprese. Bene, allora, è possibile tagliare le spese, le spese correnti o future, come le pensioni. E poi affrontare il malcontento popolare, se non una rivolta popolare.

Nel frattempo, il "mercato" reagisce.
Ma su cosa reagisce questo mercato, per esempio, cambiando le sue preferenze per le divise? Sono le grandi corporazioni o le strutture finanziarie, come gli hedge fund, che manipolano il sistema finanziario globale per ottenere vantaggi a breve termine, ma che sono significativi.

Come risultato, i governi si trovano ad affrontare scelte impossibili, e gli individui di fronte a scelte ancora più impossibili. Non possono prevedere ciò che è probabile accada. Possono diventare ancora più frenetici. Si sfogano diventando xenofobi o protezionistici demagoghi. Ma, naturalmente, questo risolve poco.

A questo punto entra il più grande di esperti del mondo, Thomas Friedman, a scrivere un pezzo chiamato "Non nè ho mai sentito parlare prima." Di cosa non ha mai sentito parlare prima? Ha ascoltato non statunitensi, parlare a Davos dell' "instabilità politica" degli Stati "Uniti." Ha detto che secondo la sua esperienza passata una frase così si utilizzava solo in riferimento a paesi come la Russia, l'Iran, o Honduras. Immagina questo. In realtà, la gente pensa che gli Stati Uniti sono politicamente imprevedibili. E Thomas Friedman non aveva mai sentito questo prima.

C'è gente che sta scrivendo questo, spiegando questo, da almeno 40 anni, ma Thomas Friedman non nè ha mai sentito parlare prima. Questo è perché ha vissuto in un bozzolo autocostruito, quello dell' establishement politico negli Stati Uniti, e dei suoi seguaci in altre parti. Le cose devono andare davvero male per loro per riconoscere questo fatto fondamentale. Gli Stati Uniti sono politicamente instabili, e rischiano di diventare ancora più instabili, non meno, nei prossimi 10 anni.

L'Europa è più stabile? Solo un po '. L'America Latina è più stabile? Solo un po'. La Cina è più stabile? Forse un po ', ma non è garantito. Quando un gigante vacilla, molte cose possono cadere con lui.

In modo che il caos quotidiano, una situazione che non è prevedibile nel breve termine, nè tanto meno a medio termine. È quindi una situazione in cui le fluttuazioni economiche, politiche e culturali sono grandi e veloci. E questo provoca nella maggior parte della gente.

Fonte: http://www.jornada.unam.mx/2010/02/20/index.php?section=opinion&article=018a1mun
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...