lunes, 31 de marzo de 2014

Venezuela: Agricoltori scrivono la nuova legge sulle sementi

NO agli OGM  
video en espanol
Con la vittoria dei movimenti contadini, l’Assemblea Nazionale del Venezuela ha deciso la preparazione di una proposta di legge volta a vietare l’uso e il consumo di alimenti transgenici. I primi di settembre 2013, la Monsanto, leader mondiale nelle biotecnologie
agricole e brevetti su i sementi, aveva proposto all’Assemblea Nazionale dei semi del Venezuela di approvare una legge chiamata “Legge Monsanto“. La proposta ha cercato di “aumentare la produzione di mais”, attraverso il mais transgenico NK603 della Monsanto, un mais che produce tumori e gravi problemi epato-renali oltre a distruggere il suolo. Il piano è stato presentato con il supporto del blocco di opposizione. 

Il  potente gruppo politico e mediatico Monsanto, è stato rappresentato dal direttore per gli affari governativi per il Sud America, i Caraibi e la regione andina, Rafael Aramendis. Tuttavia, questa proposta è stata abrogata grazie all’interessamento di molti movimenti sociali, che hanno riferito sui pericoli di questa legge transgenica. Ora la legge sarà riscritta insieme ad agricoltori, ed esperti di sementi.

 Il legislatore sta elaborando la nuova legge sulle sementi, con l’aiuto dei gruppi e membri delle comunità in tutto il paese, e hanno partecipato anche rappresentanti del Tribunale Supremo di Giustizia (TSJ) e il mediatore, che partecipano e servono come osservatori per garantire il processo di associazione. Già ci sono stati quattro incontri per la preparazione della nuova legge popolare, il primo il 28 ottobre a Lara, poi Carabobo e Barinas, il più recente presso “Indian School Rangel Agroecologica” nello stato di Aragua. La prossima riunione sarà il 15 e 16 febbraio, presso il Battaglione Justo Briceño, il settore Milla Merida come parte della campagna Venezuela di OGM. Con la vittoria dei movimenti contadini, l’Assemblea Nazionale del Venezuela è stata incaricata di elaborare un progetto di legge volto a proibire l’uso e il consumo di alimenti geneticamente modificati. http://lenewsdiangeloiervolino.altervista.org/blog/2321
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...