domingo, 6 de diciembre de 2015

Elezioni in Venezuela: probabile la vittoria della coalizione di governo


Attilio Folliero Il 6 dicembre, tra poche ore, in Venezuela si vota per eleggere il nuovo Parlamento. Nelle precedenti elezioni del 2010, la coalizione di partiti che appoggia il governo aveva 98 deputati sui 165 totale, ossia il 59,39%; l’opposizione disponeva invece di 65 deputati, overo il 39,39%; 2 deputati erano indipendenti.
Il Venezuela ha una popolazione di poco inferiore ai 31 milioni di abitanti, dei quali 19.504.106 cittadini sono iscritti nel registro elettorale. L’elezione si basa su un sistema elettorale misto, maggioritario e proporzionale. In questa elezione saranno eletti 167 deputati, dei quali 113 col sistema maggioritario e 51 col sistema proporzionale;
a questi 164 si aggiungeranno 3 deputati eletti, col sistema maggioritario, in rappresentanza degli indigeni.

I 113 deputati eletti col sistema maggioritario usciranno da 87 colleggi, dei quali alcuni sono uninominali, ossia prevedono l’elezione di un solo deputato, altri sono plurinominali, ossia contemplano l’elezione di 2 o 3 deputati.
Dalla complessità del voto, ne scaturisce l’estrema difficoltà di effettuare sondaggi e previsioni. I sondaggi elettorali dunque sono poco affidabili; alcune società parlano di una vittoria dell’opposizione con il 60% ed oltre dei voti. In realtà questi sondaggi, come quello di Keller y Asociados fin dal 1998 riportano lo stesso dato e puntualmente vengono smentiti dai risultati reali; infatti, dal 1998 ad oggi i partiti del blocco di sinistra hanno sempre vinto, con l’unica eccezione della riforma costituzionale del 2007, quando l’opzione appoggiata dai partiti di opposizione vinsero con il 50,7%. 
In conclusione questi sondaggi sono poco affidabili, anche se fanno il giro del mondo, cioè sono quelli riportati nei giornali di tutto il mondo e si comprende bene il fine: screditare il Venezuela; dopo ogni elezioni, dal 1998 in poi, i partiti di opposizione gridano all’imbroglio, che la vittoria dei partiti di s inistra è stata ottenuta grazie ad una manipolazione. Si è sempore verificato e succederà anche quest’anno.
Più sobri appaiono i sondaggi di altre società meno parzializzate, come la Hinterlaces diretta da Oscar Schemel, un profesionista riconosciuto e rispettato da tutti in Venezuela; ha un programma, tutto suo nella televisione Globovision, intitolato Analisis situacional; Globovision come è noto a tutti è una TV di destra, di proprietà dell’oligarchia economica e vicina alle posizioni dei partiti di opposizone.
In definitiva, pur con tutte le difficoltà, il blocco dei partiti che appoggiano il governo dovrebbe vincere, o comuqnue al momento sembra in vantaggio. Affermiamo ciò in base non ad un sondaggio, ma sul fatto che il Gran Polo Patriottico, ossia il blocco di partiti che appoggiano il governo, durante la campagna elettorale ha adottato un metodo denominato “1 x 10”, ossia ognuno dei militanti ha l’obiettivo di ricercare e annotare il nome di 10 persone che voteranno per la coalizione di sinistra; oltre al nome, al cognome, al numero della carta d’identità viene annotato anche il numero di telefono; quindi queste persone che certamente andranno a votare per il “Polo patriottico” vengono annotatte e contate; il numero di coloro che dunque votano per il polo patriottico è visibile in Internet ed è aggiornato continuamente in tempo reale.
Prima di essere inserito nella base dei dati, come votante certo per uno dei partiti della coalizione di governo, viene effettuato un ultimo controllo telefonico. In questo modo il numero di questa base di dati esprime realmente il numero di voti praticamente certi.
Aggiungiamo che è assolutamente impossibile registrate due volte lo stesso nominativo, in quanto il votante, denominato “patrullero”, in sostanza militante, perché la registrazione avviene tramite numero di carta d’identità, un numero univoco, assegnato ad ogni persona; pertanto se un nominativo già registrato apparisse nell’elenco “1x10” di un secondo militante, non potrebbe mai essere inserito una seconda volta, ma verrebbe automaticamente scartato. 
In questo modo i partiti della coalzione, i militanti e tutti gli elettori sanno benissimo qual è indicativamente il numero di voti che prenderà la coalizione di sinistra.
Chi fornisce il proprio nome ed accetta di essere inserito in questa base di dati è sicuramente un militante, una persona che pubblicamente esprime la propia opinione política.

Accanto a questi militanti ci sono altre persone che pur votanto per uno dei partiti di sinistra non rende pubblico, per motivi personali, le proprie idee politiche.
Una persona che per esempio vive in un palazzo dove tutti sono di destra o svolge un’attività lavorativa in cui tutti sono di opposizione, magari preferisce nascondere le proprie idee per non avere problemi; e pertanto neppure fornisce il proprio nominativo in questa operazione. Quindi tale dato rappresenta il numero minimo di voti certi.
Al momento di scrivere questo articolo, il numero dei cittadini che hanno espresso l’intenzione di votare per i partiti della sinistra ascende a 6.640.344, in pratica il 34% degli aventi diritto al voto. E’ in sostanza il nocciolo duro del “chavismo”. In definitiva i partiti della sinistra prenderanno tra 6,5 e 7 milioni di voti. Considerando un astensionismo tra il 30% ed il 40%, ovvero tra 6 e 7 milioni di persone non andranno a votare; se ne deduce che le opposizioni prenderanno tra 5,5 e 7 milioni di voti. 
A questo punto bisogna considerare  due fattori molto importanti:
1)   Nella scheda elettorale, che ricordiamo è elettronica, in ogni circocrizione gli elettori trovano l’elenco di tutti i partiti partecipanti, però mentre i differenti partiti di sinistra presentano tutti gli stessi candidati, i partiti di opposizione presentano candidati differenti e vari partiti di opposizione si considerano indipendenti;

2)   I partiti di opposizione, in particolare “Primero justicia”, partito della destra più estrema e primo partito di opposizione concentra i propri voti nelle zone più ricche delle grandi città; in alcune di queste circoscrizioni storicamente prendono fino al 90% dei voti.

In definitiva, i partiti di opposizione concentrando i propri voti nelle zone ricche, per esempio nell’est di Caracas e presentandosi separati in molti collegi elettorali, trattandosi appunto di elezione col sistema maggioritario, finiranno per perdere nella maggior parte dei collegi e quindi la coalizione di governo dovrebbe conquistare la maggioranza dei seggi.
Per avere un’idea di quanti siano i partiti iscritti ed i loro candidati invito a visionare la scheda elettorale della Prima circoscrizione di Caracas (cliccare). Da questa scheda si evince che i partiti presenti sono ben 36, dei quali 16 appoggiano il governo del presidente Maduro e 20 sono di opposizione; però, mentre i 16 partiti di sinistra propongono tutti gli stessi candidati, degli altri 20 partiti molti propongono candidati propri.
Nel sito del CNE sono riportate le schede elettorali di tutti i collegi, stato per stato. In ogni collegio si ha in pratica la stessa situazione vista sopra, con partiti della coalizione di sinistra uniti nel proporre gli stessi candidati e quelli di destra divisi.
In conclusione anche se la vittoria dei partiti di sinistra non è proprio scontata, appare probabile.
Fonte qui
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...