martes, 11 de mayo de 2010

Documentario "Stealing a Nation": Storia di una deportazione legittima

“Stealing a Nation” rivela la storia della deportazione della popolazione delle isole Chagos nell'Oceano Indiano dal governo britannico, affinché l'isola principale, Diego Garcia, fosse trasformata dagli Stati Uniti in una grande base militare. E 'da questa base che gli aerei americani hanno attaccato l'Iraq e l'Afghanistan.

www.nibiru2012.it

"Questa è una scioccante, quasi incredibile storia. Un governo che si definisce civile ingannando ed espellendo i suoi cittadini più vulnerabili in modo da poter dare il proprio territorio ad una potenza straniera ... i ministri ed i loro funzionari quindi hanno montato una campagna di inganno arrivando anche fino al primo ministro. " John Pilger.

Il documentario di John Pilger è un film straordinario che descrive la situazione della popolazione delle isole Chagos nell'Oceano Indiano - segretamente e brutalmente espulsi dalla loro patria da parte dei governi britannico alla fine del 1960 e primi anni 1970, in modo di far costruire base militare americana. La base, sulla principale isola di Diego Garcia, è stato un trampolino di lancio per le invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq.

Un dossier notevole di prove è stato messo insieme da Pilger e produttore Chris Martin, il tutto corredato da archivi, grafici per uno dei complotti più sconvolgenti dei tempi moderni, che continua ancora oggi.
Diego Garcia è la più grande base militare americana nel mondo, al di fuori degli Stati Uniti. Ci sono più di 4.000 soldati, due piste per bombardieri, trenta navi da guerra e una stazione per satelliti spia. Il Pentagono la definisce una "piattaforma indispensabile" per la polizia (pulizia?) del mondo.

Prima dell’arrivo degli americani, più di 2.000 persone vivevano sulle isole, molti con radici che risalgono al 18esimo secolo. Ci sono stati villaggi fiorenti, una scuola, un ospedale, una chiesa, una ferrovi, tutto ciò che serve per vivere indisturbati. Le isole erano e sono tuttora, una colonia della corona britannica.
Nel 1960, il governo di Harold Wilson fece un patto segreto con gli Stati Uniti di consegnare Diego Garcia. Gli americani hanno chiesto che le isole dovessero essere "spazzate" e "sterilizzate". Senza che il Parlamento britannico e il Congresso degli Stati Uniti ne fossero a conoscienza, il governo britannico concordò con Washington di espellere tutta la popolazione - in segreto e in violazione della Carta delle Nazioni Unite.

In un primo momento, li hanno forniti di beni di prima necessità, poi si sparse la voce che l'isola sarebbe stata bombardata, ed infine le persone hanno visto i loro animali domestici gasate a morte prima che fossero ammassati su barche e oggetto di deportazione nelle baraccopoli nelle Mauritius.
Rita, ha perso il marito e tre dei suoi figli in seguito alla loro deportazione: "Io sono una cittadina britannica e ci hanno buttato fuori della nostra Patria, in nome della Regina".

Lizette, dice: "I miei figli sono morti da tristezza. Quando siamo stati costretti ad abbandonare, morì, il più giovane, si ammalò e il dottore mi disse: 'Non posso curare la tristezza'.Quello che hanno fatto per noi non era diverso dal trattamento degli schiavi. "
Charlesia dice: "Quello che fa più male è che non ci hanno mai detto che cosa stavano facendo con le nostre isole. Se fosse stata costruita una base per i poveri in cui poteva essere dato a loro lavoro bene. Ma è una base per bombardieri - e le bombe che sono cadute in Iraq sono partite dal nostro paradiso ".

John Pilger e produttore Christopher Martin hanno acquistato centinaia di documenti ufficiali sorprendenti che, nelle parole dei funzionari e ministri, rivelano come la cospirazione è stata coperta.

"I documenti mostrano chiaramente che la cospirazione di espellere la popolazione si basava su una grande bugia", dice John Pilger. "Sostenevano che l apopolazione di allora era basata su persone che si trovavano li per lavoro, ma sapevano benissimo che molti di loro avevano fondato le proprie radici” “La maggior parte non aveva mai lasciato le isole.”

"Uno dei documenti è intitolato, “Maintainng fiction'. Un altro dice: 'Ci si propone di certificare che queste persone, in modo più o meno fraudolento, come appartenenti a qualche altra parte.' Abbiamo memo segreti che propongono come il governo deve spettare al mondo. Non ho mai letto niente di simile ".

Pilger rivela anche come lo scandalo continua ancora oggi.
Il regista, scrittore e presentatore John Pilger, ha fatto oltre 50 documentari per
la ITV, compresa la sua famosa espone di campi di sterminio di Pol Pot in Cambogia e il genocidio a Timor orientale. Ha vinto due volte più alta onorificenza della Gran Bretagna per il giornalismo, Giornalista dell'Anno.. E 'stato internazionale Reporter dell'anno e detiene il Media delle Nazioni Unite per la pace, la Richard Dimbleby data dalla Bafta Award, Oscar televisione, un Emmy.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...