jueves, 21 de febrero de 2013

USA: 4700 civili ammazzati con velivoli senza piloti

Il senatore repubblicano Lindsey Graham ha denunciato che gli Stati Uniti sono responsabili dell'esecuzione di 4700 persone, in gran parte civili, rimasti  vittime nel corso degli attacchi segreti portati a termine con i drones. "In alcuni casi hanno peso la vita persone innocenti" ha riferito il senatore all'AFP. Lindsv Graham, tra l'altro, fa parte della vasta schiera di quelli che hanno  approvato il programma di attacchi segreti in territori stranieri,
originariamente giustificati come un'arma anti-Al qaeda. Il problema -sembrerebbe- è che il governo di Obama ne stia facendo un uso troppo massivo e indiscrimanto, da applicarsi persino contro cittadini con passaporto USA.

Secondo New America Foundation, dal 2004 sono state eseguiti 350 attacchi aerei che hanno prodotto dalle 1963 a 3293 vittime. Anche l'ONU ha rivelato che l'ano scorso, il governo di Obama ha incrementato del 72% gli attacchi con drones in Afganistan. Di fronte alla marea montante delle critiche, Obama ha ceduto alla richiesta di elaborare un "meccanismo" che ne regolamenti le modalità di esecuzioni, finora riservate ad una commissione segreta. "Ritengo inadeguato che i cittadini debbano accettare la mia parola quando asserisco che quel che facciamo è corretto" ha chiosato Obama.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...