jueves, 11 de julio de 2013

BRASILE PORTA all'ONU il CASO dello SPIONAGGIO USA

Il ministro degli Esteri del Brasile, Antonio Patriota, ha detto oggi che il governo porterà la questione dello spionaggio degli Stati Uniti nelle sedi internazionali come l'ONU, l'Unesco e il Mercato comune Sud (Mercosur). "….Nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la questione relativa alla sicurezza delle informazioni deve essere discussa", ha dichiarato nel Parlamento del suo paese. Patriota ha ribadito la preoccupazione del governo di Dilma Rousseff per le
rivelazioni di spionaggio e ha ricordato che il Ministero degli Esteri ha chiesto formalmente spiegazioni al riguardo con l'ambasciatore degli Stati Uniti a Brasilia, Thomas Shannon. Patriota ha ribadito che lo spionaggio sui cittadini e le imprese brasiliane implica una flagrante violazione dei diritti umani. "La Costituzione brasiliana garantisce il diritto alla privacy, che è un inviolabile diritto alla segretezza della corrispondenza, le comunicazioni e le telefonate, se non sotto autorizzazione giudiziaria", ha detto. 

Ha ricordato che la Convenzione di Vienna prevede la riservatezza della corrispondenza diplomatica e gli ambasciatori e consoli devono seguire le leggi dei paesi a cui sono destinati. Il quotidiano brasiliano "O Globo" di domenica scorsa ha iniziato la pubblicazione di documenti, ottenuti dalle rivelazioni dell’ex ufficiale dell'intelligence statunitense, Edward Snowden, che mostrano come gli USA spiano le comunicazioni elettroniche e telefoniche in Brasile. Come riportato dal "O Globo", anche altri paesi dell'America Latina, come la Colombia, Messico, Venezuela, Argentina ed Ecuador sono stati oggetto di spionaggio estaodunidense.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...