jueves, 11 de julio de 2013

DISSIDENTE SNOWDEN al THE GUARDIAN

Non voglio vivere in un mondo dove si registra  tutto quello uno fa, scrive o dice 

Edward Snowden, è nato a Elizabeth City, North Carolina, il 21 giugno del 1983,  ho compiuto 30 anni in mezzo a un vortice che ha cambiato la sua vita per sempre. Sua madre è impiegata presso la corte federale per il Distretto del Maryland, e suo padre era un ufficiale della Guardia Costiera degli Stati Uniti.
 Intervistato dal quotidiano britannico The Guardian, Snowden ha ammesso che non era uno
studente modello,  Nel 2003 si arruoló nell'esercito degli Stati Uniti, seguendo un corso di formazione per entrare nelle forze speciali: "Ho voluto combattere la guerra in Iraq, perché sentivo un dovere morale verso questi esseri umani, per aiutarli a liberasi dall'oppressione", ha detto. Cambiò questa opinione rapidamente quando si confrontò con la realtà, a contatto con colleghi che sognavano solo di uccidere. "La maggior parte dei partecipanti erano molto eccitati dall’idea di uccidere gli arabi", ha detto in questa intervista.

Più tardi, si fratturò entrambe le gambe durante l'addestramento, e venne dimesso. Dopo il recupero, ha ottenuto il suo primo lavoro come guardia di sicurezza di una struttura segreta NSA, il che significava un trampolino di lancio per ottenere un lavoro presso la CIA, in qualità di esperto in sicurezza informatica. La sua conoscenza di internet e una gran abilità di programmatore, gli aprì le porte, nonostante fosse privo d’un titolo di studio.

Nel 2007, la CIA lo ha mandato a lavorare per la protezione diplomatica a Ginevra, in Svizzera, come responsabile della invulnerabilità e sicurezza della rete informatica, dove si è a contatto con molti documenti segreti classificati. Quel che ha vide durante tre anni come dipendente della CIA, lo ha portato a chiedersi se era giusto quello che stava faendo. Questo lo indusse a rendere di pubblico dominio i piani di spionaggio.

Sucesivamente, Snowden visse tranquillamente nelle Hawaii, e lavorò per la società di Booz Allen Hamilton, un imprenditore della NSA, dove guadagnava più di 200.000 dollari all'anno. Ha avuto una vita confortevole con la sua ragazza, una ballerina di 28 anni, laureata in Lettere al Maryland Institute College of Art

Piano per realizzare le filtrazioni 
 Per pubblicizzare le informazioni che voleva, Snowden ha concepito un piano dettagliato. Tre settimane prima delle rivelazioni, terminata la copia del set finale di documenti riservati che desidera dare al pubblico, chiese al suo supervisore qualche giorno di permesso, per la terapia dell’epilessia di cui soffre.

Il suo cratere riservato fece sì che tutto andasse come aveva programmato, e il 20 maggio e partì per Hong Kong, dove alloggia in una stanza d'albergo da cui inoltrò i documenti apparsi sui quotidiani The Guardian e The Washington Post, e concesse un'intervista. In un primo momento, i due giornali mantennero segreta la sua identità, ma poi Snowden ha chiesto che il suo nome divenisse pubblico perché "non ho alcuna intenzione di nascondere chi sono, perché non ho fatto niente di male. Sono convinto che dovrebbero essere i cittadini a decidere sui poteri che essi attribuiscono allo Stato, e non un burocrate di turno".

A questo proposito, ha detto che "ho voglia di concentrarme su questi documenti e, auspicabilmente, incoraggiare la discussione tra i cittadini di tutto il mondo su che tipo di mondo staiamo vivendo. Il mio unico motivo è quello di informare il pubblico su quanto è stato fatto in suo nome e contro i suoi diritti”.

"Sono disposto a sacrificare tutto, non posso avere l buona coscienza a posto se permetto al governo degli Stati Uniti di distruggere la nostra privacy, la libertà di Internet e delle libertà fondamentali per le persone di tutto il mondo con il grande apparato segreto che stanno costruendo” ha detto.

"Io non voglio vivere in una società che fa questo genere di cose ... Io non voglio vivere in un mondo dove si registra  tutto quello che faccio e dico. E 'qualcosa che non sono disposto a sostenere o ammettere ", ha aggiunto.

Dopo aver ricevuto diverse minacce di morte, Snowden decise di lasciare Hong Kong, e il 23 giugno vola a Mosca, Russia. Nella zona di transito dell'aeroporto
Sheremetyevo di Mosca, ha chiesto asilo in Ecuador e altri paesi, tra la disperazione degli Stati Uniti, che esige la sua estradizione, sconvolto dal fatto che i suoi piani imperialisti sono stati rivelati al mondo.

Perdite
 Snowden ha rivelato, centellinando documenti che provano la veridicità delle
sue parole, l'esistenza di programmi di spionaggio segreti che permettono di consultare o registrare quotidianamente milioni di telefonate negli Stati Uniti, ed estrarre informazioni dai giganteschi-server-Internet in grado di spiare i cittadini di tutto il mondo. Questo include Facebook, Google, Verizon, Yahoo, Apple, Microsoft, dropbox, tra gli altri.

Questo programma di spionaggio elettronico denominato PRISM è classificato come top secret, sta a carico del NSA, dal 2007. Viene utilizzato come mezzo per sorvegliare a fondo le comunicazioni e altri dati memorizzati.. Il programma ha come obiettivo quei cittadini che vivono al di fuori degli Stati Uniti, ma include anche quei nordamericani che hanno avuto contatti con persone che vivono al di fuori dei confini del paese. Grazie a PRISM, la NSA può spiare i messaggi di posta elettronica, video, chat vocale, le foto, gli indirizzi IP, le notifiche di accesso, trasferimento di file e dettagli sui profili di social networking.

Richiesta di asilo Venezuela
 Fin dall'inizio, il governo venezuelano ha offerto asilo al giovane, quando conobbe la situazione di Snowden, perseguito da Stati Uniti d'America solo per aver fatto conoscere al mondo i di spionaggio, che  violano la sovranità e la privacy di tutti i Paesa del mondo.
 Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, ha detto che Edward Snowden ha richiesto formalmente asilo da parte del governo venezuelano, per proteggersi dal terrorismo essere gringo.

"Dovrà decidere quando volare qui, se vuole definitivamente volare qui. La verità è che l'America Latina è un paese umanitario. Questo sarebbe un asilo umanitario collettivo, dove il territorio di diversi paesi della nostra America Latina, sempre umani, dicono che questo giovane, viene perseguito dall’Impero, Vieni qui," ha detto.

Il presidente Maduro ha sottolineato che "alcuni soloni della destra fascista, tra le tante barbarità che hanno diffuso nelle ultime 48 ore, sono arrivati ​​a dire che gli Stati Uniti hanno il diritto di spiare e controllare il mondo".
 "Il Venezuela è una nazione libera e sovrana governata dal suo popolo", ha detto, dando il via libera all’arrivo di Snowden in Venezuela.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...