lunes, 9 de mayo de 2016

Egitto: Hillary Clinton e al-Qaida


Messaggi di posta elettronica dimostrano che la Clinton sapeva dei legami tra Fratelli musulmani e al-Qaida

John Rossomando, IPT News, Modern Tokyo Times 
Le email dell’ex-segretaria di Stato Hillary Clinton suggeriscono che sapesse dei legami tra Fratelli musulmani (FM) e i gruppi jihadisti più accaniti come al-Qaida, nelle prime fasi della primavera araba nel 2011. Il confidente di Clinton Sidney Blumenthal osservò in una e-mail del 7 aprile 2011 che i leader militari dell’Egitto erano preoccupati dai contatti tra FM e al-Qaida.
Il Consiglio Supremo delle Forze Armate (SCAF) riferì di temere che la Fratellanza collaborasse con vari gruppi islamici violenti, tra cui gli affiliati ad al-Qaida. “La preoccupazione principale dei leader del SCAF è che la FM inizi a collaborare con i gruppi islamisti più violenti, tra cui i vari affiliati ad al-Qaida“, scriveva Blumenthal. Una fonte “con accesso ai vertici della FM”, compresa la Guida Suprema Muhamad Badia, disse in privato a Blumenthal che il rapporto tra FM, al-Qaida e altri gruppi radicali è “complicato”.

L'”intelligence militare egiziana sapeva che esistevano questi contatti, ma ritiene che la FM, sotto l’influenza dei… moderati, controlli con attenzione i contatti con tali gruppi radicali/terroristici, nel tentativo di evitare di fornire ai militari una scusa per muoversi contro di essa“, scriveva Blumenthal. La fonte di Blumenthal affermò che Muhamad Mursi ammise che il governo islamico della Fratellanza in Egitto avrebbe avuto difficoltà a controllare l’avanzata di al-Qaida ed altri gruppi radicali/terroristici, secondo una e-mail del 16 dicembre 2011.

 Alcun contesto viene dato alla dichiarazione, a parte Mursi che notava come i giovani militari egiziani fossero islamizzati e antiamericani, nonostante l’addestramento degli Stati Uniti. L’e-mail rileva inoltre che gli ufficiali più giovani avrebbero sostenuto un Egitto divenuto Stato islamico più degli attuali generali. Mursi divenne presidente sei mesi più tardi. Tuttavia, l’ex-direttore della CIA James Woolsey mise in discussione le fonti di Blumenthal, dicendo all’Investigative Project on Terrorism che non sapeva dove Blumenthal avesse trovato tali informazioni.

E’ assai speculativo ma interessante“, disse Woolsey. “Il problema con i messaggi di posta elettronica è la classificazione. Ciò che conta sono fonti e metodi“. Le e-mail dal server privato di Hillary Clinton, scritte quando era segretaria di Stato, furono rese pubbliche a seguito della causa di Judicial Watch sul Freedom of Information Act (FOIA). Molti sospettano contengano informazioni potenzialmente riservate, e perciò sono sotto inchiesta dell’FBI.

Fonti della sicurezza egiziane hanno registrato le chiamate tra Mursi e il capo di al-Qaida Ayman al-Zawahiri, mentre Mursi era al potere, secondo un articolo del quotidiano egiziano al-Watan del 22 novembre 2013. Mursi avrebbe accettato di amnistiare 20 terroristi, tra cui uno che al-Zawahiri conosceva fin da bambino, e un altro che guidava Ansar Bayt al-Maqdis, oggi nota come provincia del Sinai dello SIIL. Le comunicazioni tra Mursi e al-Zawahiri iniziarono nel primo mese di presidenza.

Il fratello di Zawahiri, Muhamad, mediò i primi contatti. “Le regole della legge di Dio ci dicono di starti accanto, non c’è cosiddetta democrazia, e quindi sbarazzati dei tuoi avversari“, aveva detto al-Zawahiri a Mursi, secondo la trascrizione di al-Watan. Al-Zawahiri e Mursi avrebbero accettato di cooperare sui campi di addestramento nel Sinai e al confine con la Libia, dove avrebbero potuto creare un esercito per difendere il regime della Fratellanza.

Mursi avrebbe incontrato un emissario di Zawahiri in un hotel del Pakistan, per due ore e mezzo, e questo, secondo quanto riferito, avrebbe portato l’organizzazione internazionale della FM a dare ad al-Qaida 50 milioni di dollari. Mursi chiamò al-Zawahiri per chiedere aiuto prima che i militari lo rovesciassero, secondo al-Watan. “Combatteremo i militari e la polizia, e incendieremo il Sinai“, avrebbe detto a Mursi al-Zawahiri. La segnalazione del quotidiano filo-militare fu messa in discussione, in passato. Il suo redattore rimane sotto inchiesta per falsificazione di un rapporto su una cellula terroristica islamista.

Ancora, le presunte telefonate con al-Zawahiri aiutarono i procuratori egiziani nell’emettere la sentenza di morte contro Mursi. Gli attacchi nel Sinai sono aumentati dopo la caduta di Mursi. Il suggerimento del capo della Fratellanza Muhamad al-Baltagy dopo la deposizione di Mursi, che “Gli attacchi nel Sinai si fermeranno solo se il presidente Muhamad Mursi viene reinsediato“, aggiungeva prove sui legami tra Fratellanza e al-Qaida, secondo Michael Meunier, attivista egiziano che in precedenza lavorò a stretto contatto con il governo egiziano. “Vi è la chiara indicazione del coordinamento tra Fratellanza musulmana e al-Qaida nel Sinai“, ha detto Meunier.

Ansar Bayt al-Maqdis, il gruppo responsabile della maggior parte degli attacchi, apparteneva ad al-Qaida prima di entrare nello Stato Islamico (SIIL) nel 2014. I rapporti indicano che Ansar Bayt al-Maqdis era “strutturalmente” legato alla FM. Se fosse vero, i legami tra FM e al-Qaida sfidano la pretesa accademica che i due gruppi siano nemici mortali. Questa tesi si basa sulle critiche reciproche, quando al-Zawahiri nel 2006 condannò la partecipazione della FM alle elezioni democratiche. Il direttore della National Intelligence James Clapper evocò l’idea che FM e al-Qaida si contrapponessero nel febbraio 2011, testimoniando davanti alla commissione Servizi Segreti della Camera.

Il termine ‘Fratelli Musulmani’… è un termine generico per una varietà di movimenti, nel caso dell’Egitto, un gruppo molto eterogeneo, in gran parte secolare, che ha evitato le violenze e criticato al-Qaida come perversione dell’islam“, disse Clapper. Il 16 febbraio 2011, l’e-mail di un anonimo funzionario del dipartimento di Stato che contribuì alla stesura della Direttiva politica presidenziale n° 13, un documento che contribuiva ad inquadrare la politica degli Stati Uniti verso i Fratelli musulmani in Egitto e in altre parti del Medio Oriente, faceva eco alle osservazioni di Clapper. La politica degli Stati Uniti non dovrebbe “essere guidata dalla paura”, diceva, e se non distingue Fratellanza da al-Qaida non potrà adattarsi ai cambiamenti nella regione.

Non solo l’Egitto
Altri documenti governativi confermano la tesi di Blumenthal che la Fratellanza e al-Qaida sono collegate. Le e-mail di Clinton descrivono un deciso legame personale tra Fratellanza e al-Qaida in Libia, risalente al mandato di Clinton come segretaria di Stato, nella persona di Ali al-Salabi che fondò il Lybian National Party (LNP) collegato ad al-Qaida

Una e-mail del 27 febbraio 2011 dell’aiutante di Clinton, Jake Sullivan, descrive al-Salabi come “figura chiave nella fratellanza musulmana libica e uomo (del capo dei Fratelli musulmani shayq Yusuf) Qaradawi in Libia“. Sullivan è accusato di aver inviato a Clinton email top-secret dal suo account privato. Blumenthal osservò nella e-mail del 3 luglio 2011 che “lo LNP era dominato da ex-membri del Gruppo combattente islamico libico (LIFG) collegato ad al-Qaida che, secondo fonti sensibili, manteneva legami con al-Qaida durante la lotta contro le forze dell’ex-dittatore Muammar Gheddafi”

Un documento dell’intelligence libica del 24 marzo 2011 sostiene che al-Salabi si coordinava a livello internazionale con i Fratelli musulmani per aiutare il LIFG nella lotta contro Gheddafi. Allo stesso modo, Rashid al-Ghanushi, capo del partito al-Nahda legato alla Fratellanza in Tunisia, tentò di collaborare con Ansar al-Sharia, legata ad al-Qaida, e il suo defunto capo Abu Iyadh, ex-alleato di Bin Ladin sanzionato dagli Stati Uniti dopo l’11 settembre, durante la primavera araba. 

Abu Iyadh fu il responsabile dell’assassinio del capo dell’Alleanza del Nord Ahmad Shah Masud, due giorni prima degli attacchi alle Torri Gemelle e al Pentagono. Questi esempi includono anche i legami tra FM yemenita e al-Qaida attraverso lo sceicco Abdul Majid al-Zindani. Funzionari del dipartimento del Tesoro descrivono al-Zindani come “leale a Bin Ladin” in un comunicato stampa del 2004, e di aver aiutato il capo di al-Qaida Anwar al-Awlaki quando era nel consiglio dell’Unione del Bene legata alla Fratellanza e che raccoglie fondi per Hamas. Al-Qaida e i Fratelli musulmani utilizzano i medesimi meccanismi finanziari, come al-Taqwa Bank di Lugano, in Svizzera.

La Fratellanza supportata dall’occidente in Egitto e lo Stato islamico

In un’altra corrispondenza, Blumenthal riferiva che “i capi della FM erano soddisfatti dai risultati delle discussioni con il governo degli Stati Uniti e il Fondo monetario internazionale (FMI), i quali, secondo loro, sembravano accettare  l’idea dell’Egitto come Stato islamico”. I capi economici e diplomatici occidentali nel World Economic Forum di Davos del 2012 “sembravano accettare” la fine del ruolo dell’Egitto come partner d’Israele, scrisse Blumenthal, anche se gli egiziani non avevano alcun desiderio di un confronto militare con lo Stato ebraico.

I membri della Fratellanza, tra cui la Guida Suprema Muhamad Badia, sostenevano il modello di governo islamico turco, dove i civili, piuttosto che i religiosi, comandano. La legislazione approvata da tale governo dev’essere conforme alla legge islamica. La Costituzione dell’Egitto del 2012 includeva tale principio, sottoposto dalla legislazione a revisione da parte di al-Azhar, la più importante istituzione accademica sunnita.

Giamal al-Bana, fratello del fondatore dei Fratelli musulmani Hasan al-Bana, avvertì prima della morte, avvenuta nel gennaio 2013, che la legge religiosa doveva sempre prevalere in tale sistema. “Se non altro, le prospettive civili e religiose saranno diverse e pertanto cederanno alla visione religiosa“, disse al-Bana in un’intervista nel 2011 con Masry al-Yum. “L’Egitto dovrebbe quindi diventare uno Stato civile, senza coinvolgere la legislazione dettagliata dell’Islam“.

 Nonostante la consapevolezza di ciò, Hillary Clinton e l’amministrazione Obama decisero di abbracciare la Fratellanza musulmana come altro partito politico. Meunier, che partecipò all’organizzazione delle manifestazioni che rovesciarono l’ex-presidente Hosni Mubaraq, non trova alcuna di queste rivelazioni sorprendente. “Avere tali informazioni ed ignorarle è criminale. Avevo un’idea del genere quando (Clinton) giunse in Egitto e mi rifiutai d’incontrarla quando chiese di vedermi“, ha detto Meunier. “Sapevamo che era collusa con i Fratelli musulmani. Ha incoraggiato ed ha collaborato con un’organizzazione terroristica“.

Fonte qui
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...