domingo, 7 de marzo de 2010

Gli errori delle politiche neoliberali

Spagna: la breve stagione del miracolo


Vicenç Navarro
Quando gli economisti liberali parlano della necessità di fare sacrifici, con l'obiettivo di superare la crisi, propongono sempre misure che colpiscono prevalentemente le classi popolari. In realtà, questa chiamata al sacrificio è una costante nella costruzione dell'Europa e dell'euro. Così, quando è stata presa la decisione delle èlite politiche e mediatiche del paese che la Spagna sarebbe entrata nell'Unione europea e l'euro, hanno preso una serie di misure che influenzano in modo significativo la spesa pubblica, compresa la spesa sociale, un tipo di spesa, quest'ultima, che è particolarmente vantaggioso per classi popolari. Le loro pensioni, la loro salute, la loro educazione, l'alloggio, i servizi sociali e molti altri trasferimenti e servizi pubblici di welfare state sono finanziate da questa spesa.

La riduzione del deficit e del debito pubblico, affinchè la Spagna entrasse nell'euro, è stao realizzato non sulla base di un aumento delle tasse ai gruppi più ricchi (che in realtà sono diminuite), ma sulla base della riduzione della spesa sociale, con la quale il disavanzo di tale spesa pro capite tra la Spagna e la media UE-15 (il gruppo dei paesi con scarsa redditività economica più vicino a noi) è salito del 24% nel periodo 1995-2004.

I continui ritardi nello sviluppo del welfare state in Spagna (anche ora in coda della UE-15) si è deteriorato durante questo periodo. La convergenza monetaria ha avuto luogo, poi, a scapito dell' aumento del deficit sociale della Spagna con la media UE-15. E 'stato anche durante questo periodo che il reddito del lavoro come percentuale del reddito nazionale, è notevolmente diminuito, mentre i redditi da capitale è cresciuto in modo significativo, e questo come conseguenza dell'applicazione di politiche liberali, che divennero dominanti nella costruzione del Unione europea e dell'euro. In realtà, l'integrazione monetaria è stata usata affinchè le classi popolari accettassero di fare i sacrifici che le elite liberali esigevano.

Come ha scritto recentemente l'economista liberale, Xavier Sala i Martín, "la scusa di cui l'Europa aveva bisogno era molto utile per fare le riforme" (La Vanguardia. 17.02.10), che naturalmente erano le riforme liberali. Una situazione analoga si sta verificando ora. I mercati finanziari stanno punendo gli speculatori in paesi con disavanzi elevati (a partire dalla Grecia e anche la Spagna), costringendoli a ridurre le loro spese pubbliche. E, come previsto, i media e gli economisti liberali lodano e danno il benvenuto a questi mercati, nonché la disciplina sui governi che, con la loro "esuberanza" della spesa pubblica stanno mettendo a rischio l'euro.

Ancora una volta, si esigee dalle classi popolari di questi paesi di fare sacrifici per ridurre la spesa pubblica (anche sociale), ora per salvare l'euro e l'UE, che sono in pericolo a causa delle spese eccessive dei paesi "periferici", come la Spagna. Come previsto, Sala i Martin consiglia di utilizzare lo stesso argomento, utilizzando "la stessa scusa" perchè le classi popolari accettino di stringere la cinghia. Finora questa è stata

Il problema più grande è che si sbagliava. Stanno proponendo le stesse politiche di austerità che il presidente Hoover proposte per risolvere la Grande Depressione, quando ciò che serve è proprio il contrario, come ha fatto il presidente Roosevelt stabilendo il New Deal. Il problema più grande con la Spagna e l'Europa non è il disavanzo o debito pubblico, ma la massiccia disoccupazione e la disuguaglianza dei redditi, a causa delle politiche liberali degli ultimi trent'anni, che hanno creato un enorme problema di carenza di domanda interna (vedi il mio articolo "La causa sconosciuta della crisi," Public, 12.02.09).

Non è il deficit (e il debito) dello Stato che sta creando la recessione, ma piuttosto, è la recessione che sta creando il deficit. Non è l'esuberanza della spesa pubblica, che ha creato le perdite (in realtà, tutti i paesi accusati di "esuberanza" della spesa sociale, compresa la Spagna, hanno una spesa pubblica pro capite al di sotto della media UE-15 ). È proprio il contrario. Quindi, la soluzione passa dallo stimolare la crescita economica in Spagna e nell'Unione europea da una crescita della spesa pubblica volta a creare occupazione.

Ciò è necessario soprattutto in Spagna, dove la disoccupazione è stata storicamente molto marcata. E una delle ragioni è stato proprio il sottosviluppo del settore pubblico. Se la Spagna avesse avuto nel 2006 (prima dello scoppio della crisi), la stessa percentuale di adulti che lavorano nel settore pubblico rispetto alla media per i paesi dell'UE-15 (la Spagna ha avuto un 13,35% e l'UE-15 uno 17,34% della popolazione occupata nella forza lavoro del settore pubblico), avrebbe avutoin quell'anno un tasso di occupazione della popolazione nel mercato del lavoro molto più alto e di disoccupazione molto più basso (4,52%).

La Spagna ha un enorme deficit di personale nei servizi pubblici, e in particolare nei servizi del welfare state, di cui i media e le élites politiche non sono consapevoli, perchè utilizzano servizi prevalentemente privato. La crisi in Spagna si è verificata a seguito della deregolamentazione dei mercati finanziari (favorita da economisti liberali) e la sua alleanza con l'industria altamente speculativa immobiliare, un partenariato responsabile della bolla immobiliare) che è stato il focolaio, ha determinato la crisi economica.

Le classi popolari e il mondo degli affari, che era in debito fino all'osso, non ha potuto accedere al credito, e questo ha causato il rallentamento economico, la crescita del disavanzo e l'aumento della disoccupazione. Dire che il deficit e il debito hanno causato il rallentamento economico è una frivolezza, che non è un ostacolo affinchè i media continuino a promuoverla.

traduzione Vanesa
www.vocidallastrada.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...