lunes, 18 de abril de 2011

Attacco alla Libia: ecco spiegazioni inedite, ma convincenti.

La Libia non appartiene alla Banca per i Regolamenti Internazionali -144 tonnellate d'oro nella sua riserva -  Coppie che si sposano riceveno 50mila dollari a fondo perduto
Antonio de Martini
http://corrieredellacollera.com/
Quale può essere il fil rouge che collega tutti i paesi attaccati – e presi di mira in varie forme - dagli USA e Gran Bretagna con l’aiuto di una serie di ausiliari tradizionali più o meno consapevoli? Libia, Libano, Siria,Irak,Somalia, Sudan, Iran. Non hanno in comune l’etnia ( Iran è ariano mentre gli altri sono semiti o – Sudan – misti).
Non hanno in comune la religione: Libano ha cristiani, l’Iran è sciita, la Siria è mista. Non il petrolio: Somalia e Siria non ne hanno in quantità significative. Non la ricchezza: Somalia e Sudan non lo sono. Se invece vediamo il negativo, vediamo che nessuno di questi paesi figura tra i 56 aderenti alla Banca per i Regolamenti Internazionali.
In pratica sono paesi che hanno rifiutato di far parte della comunità finanziaria internazionale
e la Libia in particolare se la stava cavando molto bene:
•Stando ai dati del FMI la Banca centrale libica possiede 144 tonnellate di oro nei suoi forzieri. Per un paese di tre milioni e mezzo di abitanti, non è niente male. L’educazione e l’assitenza medica sono gratuite; le coppie che si sposano ricevono 50.000 dollari a fondo perduto.

•I Ribelli, ancora prima di costituire un governo provvisorio, hanno annunziato ( il 19 marzo) di aver costituito la BANCA CENTRALE DI LIBIA. La Banca centrale di Libia ( quella di Gheddafi per intenderci) è pubblica e non privata, stampa la moneta e presta denari allo stato senza interessi per finanziare le opere pubbliche tra cui il famoso fiume sotterraneo fatto dall’uomo che utilizza le acque fossili del Sahara per irrigare tutta l’area agricola della Libia che si trova al Nord. A proposito l’attività agricola in Libia è esentasse. Completamente. Questa politica è l’esatto contrario di quella seguita dal mondo occidentale che fa pagare tutti i servizi quali l’educazione e la sanità ed ha privatizzato le banche centrali che fanno pagare gli interessi agli stati quando forniscono loro i fondi.


•La ragione ufficiale che ha spinto l’occidente a non mantenere le Banche Centrali come pubbliche è che questi prestiti aumentano l’inflazione, mentre prendere prestiti dalle Banche estere o dall FMI , non provocherebbe inflazione. In realtà prendere i denari a prestito da Banche centrali pubbliche – senza interessi – riduce grandemente il costo dei progetti pubblici di investimento e in alcuni casi li riduce del 50%.


•Gheddafi aveva da poco lanciato la proposta di creare una moneta unica africana IL DINARO ORO e l’unico paese africano che si era opposto, è stata la Repubblica del Sud Africa, che è stata proprio quella che si è presentata a Tripoli per la mediazione con i ribelli e la NATO. Su questa proposta c’è un commento di Sarlosi che l’ha giudicata “una minaccia per l’Umanità”.


•Sia Saddam Hussein che Gheddafi avevano proposto – entrambi sei mesi prima dell’attacco – di scegliere l’Euro ( o il dinaro) come valuta per le transazioni petrolifere.


ADESSO RESTIAMO IN ATTESA DI VEDERE – IN CASO DI VITTORIA DELLA NATO – SE EDUCAZIONE E SANITA’ RESTERANNO GRATUITE, SE LA BANCA CENTRALE LIBICA ADERIRA’ ALLA B.R.I. E SE L’INDUSTRIA PETROLIFERA LIBICA VERRA’ SVENDUTA A PRIVATI. Poi anche i più ingenui cominceranno ad avere sospetti.

3 comentarios:

Antonino dijo...

Quello che viene scritto in questo post mi sembra abbia una certa logica.
Tuttavia non capisco più come si pone la questione su Gheddafi e Saddam nei panni dittatori che abbaiano compiuto ogni sorta di crimini nei confronti dei cittadini dei loro paesi.
Da quello che si evince nel vostro post, sembra adirittura che questi due personaggi siano quasi dei beneffattori.
Non so più cosa pensare a proposito.

Anónimo dijo...

@antonino:
il problema è che non esistono buoni e cattivi, ma al massimo cattivi e cattivissimi.
gheddafi nel suo modo di governare spartano faceva vivere i libici sicuramente meglio dei loro vicini tunisini, egiziani, etc... perchè ridistribuiva la ricchezza raccolta con il petrolio, garantiva l'istruzione e tanto altro...
non c'era la libertà, ma questo era il modo in cui gheddafi pensava di resistere alle pressioni internazionali che lo volevano far fuori da tempo.

(tutto quello che ho scritto è quello che ho capito, ma è solo una mia opinione...)

ABIURA DELL'EGO dijo...

Antonio scusa ragiona bene, usa i tuoi stessi ragionamenti a 360 gradi. Credi che i difensori della democrazia non abbiano commesso ogni sorta di crimini anche ben peggiori di quelli dei dittatori e di Gaddafi?
Chi credi che ha insegnato ai militaroni di quei regimi? La CIA ha insegnato loro a torturare, e ordinava loro di farlo. Quindi smettila con l'ipocrisia per la democrazia che non è vero niente e non è mai stato vero, la democrazia è presa come scusa per rubare, questo è il punto e fino a che tu non vedi che i difensori della democrazia come il mossad commettono ogni sorta di crimini in Israele e in Libia uguale e peggio di Gaddafi e gli altri dittatori che hanno soltanto il difetto di avere una banca centrale statale libera dal controllo di alcuni pochi banchieri che vogliono prendersi il mondo intero e maledetto sia 100 volte di più chi li difende a sti banchieri---come te.