miércoles, 20 de abril de 2011

BRICS avanza, G20 entra nell'ombra

Melkulangara Bhadrakumar
Strategic Culture
E’ possibile esagerare l’esito sostanziale del vertice dei paesi BRICS, la scorsa settimana a Sanya, in Cina e, ugualmente, può sembrare opportuno sottovalutarne il significato e conseguenze. Ma tre cose spiccano. In primo luogo, non è più possibile ignorare il BRICS, in poche parole, s’afferma come caratteristica permanente dell’architettura economica e politica mondiale. In secondo luogo, il BRICS è unico: nulla di simile è mai stato tentato prima nel sistema internazionale, coinvolgendo la dialettica tra differenze e diversità con convergenze e comunanze, e una stimolante cooperazione. In terzo luogo, è praticamente impossibile replicare il BRICS, lo si può imitare, forse anche parodiarlo, ma non si potrà mai replicarla come realtà geopolitica.
Un gruppo di cinque paesi, che oggi conta il 43 per cento della popolazione mondiale, il 18 per cento del totale dell’economia mondiale, il 15 per cento del commercio internazionale e che attira il 53 per cento del capitale straniero,
 non può essere ignorato. Il BRICS, ovviamente, spera di lavorare verso una nuova era delle finanze e della politica globali. La domanda dei paesi BRICS di avere più voce nell’ordine mondiale è convincente. Si guardi alle previsioni. Secondo il Fondo monetario internazionale, entro il 2015, i paesi BRIC (escluso il Sudafrica) dovrebbe rappresentare il 21,6 per cento del PIL mondiale alla pari con gli Stati Uniti, il 20,1 per cento delle esportazioni mondiali, che saranno più del doppio degli Stati Uniti, e rappresentano il 18 per cento delle importazioni mondiali rispetto alla quota stimata degli Stati Uniti del 12 per cento.


I numeri e le tendenze sono fortemente favore del BRIC. L’importanza del vertice di Sanya sta nel fatto che i paesi BRICS stanno diventando consapevoli del fatto che, anche se il loro gruppo è ad hoc e ha avuto un record irregolare finora, hanno la forte possibilità di emergere come forza nuova nella politica mondiale. Non avevano, fino ad ora, potuto usare il peso della loro forza collettiva; ironia della sorte, è stata la crisi finanziaria globale del 2008 che alla lunga ha rafforzato la loro autostima. La velocità con cui sono riusciti a recuperare non solo ha dimostrato che non sono più vulnerabili a una recessione economica negli Stati Uniti e in Europa, ma anche che, anche se la domanda rallenta nel mondo industriale, potrebbero essere ancora in attività volgendosi l’uno verso l’altro (e le altre economie emergenti).


Nuove realtà
In realtà, le economie BRICS hanno bisogno dell’effetto di enormi importazioni di attrezzature e macchinari, capitali e tecnologia, al fine di soddisfare i requisiti della loro urbanizzazione e industrializzazione, che sono diventati un fattore per guidare la crescita economica globale e il recupero delle economie occidentali.
I paesi BRICS sono diventati grandi investitori esteri, anche nel mondo occidentale. In breve, i paesi BRICS sono più che giustificati nel chiedere profondi cambiamenti nell’ordine globale finanziario e politico, in modo da riflettere le nuove realtà. I paesi BRICS condividono l’insoddisfazione con cui l’Occidente ha dominato il dibattito mondiale e questo non è in sintonia con il mondo multipolare che si va delineando. In sintesi, un sistema più inclusivo necessita di sostituire il sistema esistente, costruito dopo la Seconda Guerra Mondiale.


La dichiarazione di Sanya promette di sostenere la riforma e il miglioramento del sistema monetario internazionale. Ha sottolineato, “La crisi finanziaria internazionale espone le inadeguatezze e carenze del sistema esistente monetario e finanziario internazionale.” Di conseguenza, ha chiesto la riforma della struttura di gestione delle istituzioni finanziarie internazionali, in modo da riflettere i cambiamenti dell’economia mondiale, come pure dare una maggiore rappresentanza alle economie emergenti.


Un aspetto saliente del vertice di Sanya è stato il sostegno, espresso da parte dei paesi BRICS, per la rielaborazione della composizione del paniere di valute che costituisce i diritti speciali di prelievo [DSR], nonché il ruolo degli stessi DSR. Il sostegno del BRICS a un “ampio sistema internazionale basato su monete di riserve che fornisca stabilità e certezza”, non può essere non notato come un colpo a malapena mascherato alla dignità del dollaro come valuta di riserva principale. In sostanza, ciò significa una chiamata a ricalibrare l’ordine post-II Guerra Mondiale che ha portato alla supremazia degli Stati Uniti.


Altre due azioni specifiche e raccomandazioni del Vertice di Sanya sono un accordo alle banche di sviluppo dei paesi BRICS per aprire linee reciproco di crediti denominati in valute locali, e un avvertimento su un potenziale “massiccio” afflusso di capitali da paesi sviluppati, che potrebbe destabilizzare le economie emergenti.


Chiaramente, ciò che vediamo è che i paesi BRICS hanno consapevolmente deciso di mettere da parte le loro differenze, su questioni e aspetti divergenti nelle rispettive impostazioni e culture politiche e diplomatiche. Per citare Jim O’Neill, presidente di Goldman Sachs Asset Management International (che ha inventato il termine BRIC nel 2001), i paesi del gruppo “non hanno gli stessi interessi. La ricchezza pro capite è molto diversa, la politica è molto diversa, e la filosofia e il loro margine naturale economico è diverso“.


O’Neill ha ragione. Una serie di disaccordi commerciali tormentano i legami intra-BRICS. Brasile e India vogliono che la Cina acquisti più beni dal valore aggiunto e cercano un maggiore accesso al mercato cinese, mentre il Sud Africa vuole che la Cina compri più prodotti trasformati e meno materie prime. Sia il Brasile che l’India sentono che la moneta sottovalutata della Cina potrebbe colpire le loro esportazioni. E considerando che la Cina sia emersa come il numero uno dei partner commerciale di ciascuno dei suoi partner BRICS, Pechino è chiamata a fornire risposte alle controversie commerciali.


Oleg Fomichev, il vice ministro russo dello sviluppo economico, ha detto che la Cina si è impegnata a Sanya ad impostare progetti di alta tecnologia con la Russia, “non solo importano le nostri risorse ed esportando prodotti industriali.” Il ministro del Commercio indiano Anand Sharma ha ribadito ciò, quando ha rivelato che alla riunione a porte chiuse, il ministro del Commercio cinese Chen Deming ha assicurato le sue controparti del BRICS che Pechino avrebbe fatto una priorità importare più prodotti dal valore aggiunto dai suoi partner.


In punta di piedi nella politica
In termini politici, la posizione comune adottata dal BRICS sugli sviluppi in Libia e in Africa del Nord, ha fatto notizia. La Dichiarazione di Sanya ha detto: “Siamo profondamente preoccupati per le turbolenze in Medio Oriente, Nord Africa e nelle regioni dell’Africa occidentale, e auspichiamo di cuore che i paesi colpiti raggiungano pace, stabilità, prosperità e progresso, e godano delle loro giuste posizione e dignità nel mondo, secondo le legittime aspirazioni dei loro popoli. Noi condividiamo il principio che l’uso della forza deve essere evitato. Noi riteniamo che l’indipendenza, la sovranità, l’unità e l’integrità territoriale di ciascuna nazione devono essere rispettate“.


E ha aggiungeva: “Vogliamo continuare la nostra cooperazione nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu sulla Libia. Noi siamo del parere che tutte le parti devono risolvere le loro divergenze in modo pacifico e col dialogo, in cui l’ONU e le organizzazioni regionali dovrebbero, se del caso, svolgere il loro ruolo. Esprimiamo anche il supporto al Gruppo di alto livello sull’Iniziativa sulla Libia dell’Unione africana“.


E’ possibile esagerare la posizione BRICS come una “sfida strategica” alla coalizione guidata dagli Usa, che è intervenuta militarmente in Libia. Ma poi, ci sono gli avvertimenti. Resta il fatto che quando i chip sono in calo e ha avuto luogo la votazione della risoluzione 1973 sulla Libia, nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu, i paesi BRICS non solo non si sono opposti alla mossa occidentale, ma si sono astenuti e il Sud Africa anche votato a favore della risoluzione. La loro ambivalenza su questo punto, è stata sequestrata dagli Stati Uniti e dai loro alleati europei, portando l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico per ad intervenire militarmente in Libia attraverso attacchi aerei, a tal punto che potrebbero anche estendersi al dispiegamento di truppe di terra, in una fase futura.


Non solo, lo stesso giorno in cui i BRICS adottavano a Sanya un atteggiamento critico sull’intervento militare occidentale in Libia, i leader di Usa, Gran Bretagna e Francia hanno compiuto una mossa senza precedenti, scrivendo una lettera aperta, che affermava che la risoluzione 1973, infatti, conferiva loro il potere di cercare il “cambio di regime” in Libia e che non si fermeranno fino a quando il regime di Muammad Gheddafi sarà rovesciato. In breve, l’Occidente ha spiazzato il BRICS poche ore dopo aver forgiato la sua ritrovata identità.
La disinvoltura con cui gli Stati Uniti e i loro partner europei hanno fatto questo, dimostrare solo che i riti di passaggio del BRICS come forza da non sottovalutare nella politica mondiale, non sarà facile.


Nel frattempo, l’Occidente si proporrà di disperdere deliberatamente le credenziali del BRICS e la sua coesione, e cercherà di allargare le differenze che possono esistere tra i paesi membri del raggruppamento. Il cuore della questione è che l’adesione del Sudafrica al BRICS, ha senza dubbio scosso l’Occidente, poiché sta accadendo in un momento in cui il presidente Jacob Zuma ha detto, “l’Africa si sta allontanando dai margini“, e l’allineamento del continente con il raggruppamento dà peso al posizionamento di quest’ultimo come contrappeso alle economie occidentali. I commentatori Sudafricani hanno spesso notato che il club del BRICS sempre più assume una forma politica, e arrivando ad un certo punto a istituzionalizzarsi, potrebbe diventare un contrappeso agli interessi dominanti occidentali – “i B5 contro il G7“, come una importante società di ricerca di Johannesburg, specializzata nei mercati emergenti, Frontier Advisory, ha indicato.


Il Sudafrica ha abbracciato con entusiasmo l’enfasi posta dal BRICS sulla necessità di un mondo “multipolare“, un eufemismo per un mondo in cui gli Stati Uniti non siano più l’unica superpotenza. Gli Stati Uniti e i loro partner occidentali avrebbero rilevato che in definitiva la Cina ha invitato il Sudafrica a partecipare al BRIC. L’influenza della Cina in Africa sta crescendo rapidamente, e con l’adesione della più grande economia africana nel club BRIC, Pechino può aspettarsi di migliorare significativamente la propria influenza in Africa. Il Sud Africa è in grado di aprire la via al resto dell’Africa e il ministro degli esteri MaiteNkoana-Mashbane ha detto dal podio del BRICS, che il suo paese “parla per l’Africa nel suo complesso“.


Il vertice del BRICS di Sanya, potrebbe essere annotato nel computo finale, come l’evento di riferimento in cui la Cina ha sottratto una pedina all’Occidente, nel grande gioco che si sviluppa in Africa, le cui grandi risorse sono state, sono e saranno ancora nel prossimo futuro, fondamentali per il sostentamento della prosperità delle economie europee. L’evoluzione del BRIC come BRICS. costringe l’Occidente a negoziare con i paesi africani, piuttosto che imporvisi.
Traduzione di Alessandro Lattanzio –  Aurora03.da.ru