lunes, 25 de abril de 2016

UE: Mediocrità di Obama o miseria morale degli USA?

Non son tare personali ma decadenza di un impero. Dare a Cesare quel che è di Cesare.

T. Pulsinelli - L'Europa a trazione tedesca è un rimorchio agganciato agli USA, nè più nè meno. Il prolungato controllo di tutte le utenze telefoniche -istituzionali e private- effettuato alla signora Merkell ha evidentemente sortito effetto. Il tribalismo finanziario che ha forgiato gli USA come sua principale piattaforma territoriale, dispone degli strumenti idonei per trattare la signora Angela come una yeswoman
qualsiasi. L'arrogante  Obama in visita sul limes europeo, fa ormai fatica a caricare la croce per smerciare come personale mediocrità quel che è la propria decadenza dell'impero. Dare a Cesare quel che è di Cesare.

Nell'arcipelago britannico dà la linea al farsesco Camerun: devi mantenere il Regno Unito dentro l'Unione Europea (UE), perchè così conviene a chi sta dietro e sopra di lui. In terra tedesca, Obama sembrava un piazzista di pentole e padelle. Ha decantato le virtù teologali del libero commercio e la marcia verso l'inarrestabile progresso che innescherebbe. Ha precisato alla signora Angela che deve sforzarsi per approvare il TTIP prima del prossimo dicembre. Ossia prima delle elezioni presidenziali USA. Poi l'ha elogiata per aver spalancato le porte ai rifugiati artificialmente programmati dalla guerra segreta pianificata contro la Siria.

Come si permette interferenze così pacchiane e strumentali? E' passato il tempo in cui sfoderare in luogo pubblico diktat così velleitari. Sbaglia, si confonde se crede di poter rivolgersi agli europei con la stessa arroganza accettata dalla ricattata e cooptata classe dirigente dell'UE. E' europea? Così sembra, però agisce come ceto subordinato della clandestina elite trans-nazionale, schierata come braccio operativo del tribalismo finanziario.

Gli europei reali -non quelli mediatici- sono stanchi delle destabilizzazioni di nazioni sovrane o stati pluri-etnici e multireligiosi. Non tollerano più guerre immorali e non convenzionali, finanziate con i loro soldi, per poi ricevere lezioni di "diritti umani" finalizzati a imporre esodi prefabbricati. Tutto sono, meno che normale migrazione economica. Washington ha costruito un Muro lungo la frontiera con il Messico per impedire ai latinoamericani l'ingresso negli USA.

L'Europa è stanca di combattere sul suo territorio le guerre d'altri, è stanca di subire le conseguenze di boicottaggi contro nazioni con cui Washington ha pochi o nessun interscambio (Iran, Russia). E' stanca di svenarsi per comprare armamenti e tecnologie belliche destinate alla NATO, sempre comandata da un generale del Pentagono. Stanca di spendere e non disporre di nessuna difesa seria. Stanca di acquisti forzati di buoni del Tesoro o titoli del debito della Riserva Federale, stampati liberamente e senza nessun controllo dalla medesima. Stanca di politiche economiche ridotte a dogmi, morti come tutti gli altri ideologismi del secolo XIX.

O la dirigenza dell'UE lo capisce o l'UE si sgretola progressivamente e implode. L'Europa deve rescuperare il diritto ad avere una propria politica internazionale. L'Italia non può castrarsi continuando a martirizzare la Libia e perdere vantaggi strategici che passano alle multinazionali BP e Total.

L'UE, così com'è conciata attualmente, conviene solo ad una estrema minoranza, stastistica e sociale. E' bene captare che la propagazione della discordia, aggressività, divisione, conflitto, induzione dell'autodistruzione, istigazione al delitto economico e violazione delinquenziale delle regole internazionali, è la sola linea di condotta che ispira gli egemonismi in fase calante.E' bene prendere qualche distanza.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...