lunes, 29 de marzo de 2010

Grecia: I trucchi di Wall street


Martin Khor Red Tercer mundo
www.vocidallastrada.com/2010/03/i-trucchi-di-wall-sreet.html
L'utilizzo di strumenti finanziari "innovativi" per nascondere la cattiva situazione finanziaria di una società o di un paese è stato evidente in casi recenti che illustrano come la manipolazione della contabilità ha contribuito alla crisi finanziaria globale.

La settimana scorsa, un rapporto commissionato dal governo degli Stati Uniti sul crollo della banca d'affari Lehman Brothers ha rivelato che questa ha utilizzato uno strumento chiamato Repo 105 per nascondere circa 50.000 milioni di dollari di attivi illiquidi. E' stato così che, pochi mesi prima del suo fallimento, "truccò" la sua situazione finanziaria presentandola come sana.La caduta di Lehman nel settembre 2008 quasi innescò un effetto domino di fallimenti bancari che avrebbero provocato un collasso finanziario globale.

Questo è stato scongiurato con un' intermediazione disperata delle autorità statunitensi affinchè il Congresso degli Stati Uniti approvasse piani di salvataggio, su vasta scala di istituzioni finanziarie. Due settimane fa è stato rivelato che la banca di investimenti Goldman Sachs ha fatto uso di un altro strumento, derivato noto come swap (scambio) di monete, per aiutare il governo della Grecia a nascondere il suo disavanzo fiscale, che era salito sopra il livello consentito dalla disciplina dell'Unione europea per restare nella zona euro.

La Grecia deve ora affrontare una grave crisi economica che minaccia lo status dell 'euro, e al momento i leader europei stanno lavorando ad un salvataggio. La Goldman Sachs è stata criticata dal cancelliere tedesco Angela Merkel per il ruolo svoltoa nella tragedia della Grecia. Ed è anche indagata dalle autorità statunitensi.

I due nuovi casi mostrano come giganti finanziari di Wall Street hanno avuto piena libertà di inventare ed utilizzare strumenti finanziari che eufemisticamente vengono chiamati "innovativi", ma in realtà quello che fanno è una speculazione, in cui raccolgono enormi profitti per le imprese, o meglio manipolano e nascondono attivi problematici.

I tentativi da parte dei Democratici nel Congresso USA per approvare una legge più restrittiva sulla regolamentazione di queste attività finanziarie è stata ostacolata dalla resistenza repubblicana. Si spera che questa settimana il deputato al Congresso Christopher Dodd riesca nell'approvazione di una legge per una importante commissione del Senato senza il sostegno dei Repubblicani.

Nel frattempo, leader politici tedeschi e francesi tentano nuovamente di ottenere il Gruppo delle 20 regole sulla speculazione finanziaria attraverso i controlli sulle istituzioni quali gli hedge fund e strumenti come i derivati e CDS (copertura del rischio di tasso di interesse di credito).Tuttavia, sono di fronte all'opposizione degli Stati Uniti e il Regno Unito, che sono i centri degli hedge fund e delle attività speculative. Il rapporto di 2.000 pagine sulla Lehman, dell'avvocato Anton Valukas, è stato attribuito da un tribunale fallimentare degli Stati Uniti.

Il rapporto ha trovato prove contro il principale esecutivo e dirigente finanziario della banca per violazione di doveri fiduciari, e contro la società di revisione Ernst & Young per l'esercizio abusivo. La banca aveva usato transazioni "Repo 105" (vendita di attività e operazioni pronti contro termine, in italiano PCT, Ndt), che la relazione ha denominato "trucco contabile" per mantenere 50.000 milioni di attivi fuori dal bilancio e quindi disegnare uni immagine fuorviante al momento di pubblicare le proprie relazioni finanziarie trimestrali, al culmine della crisi del 2008.

Il Financial Times ha detto che in una transazione di "repo" (Pronti Contro Termine, Ndt) normale, una banca trasferisce attivi ad una controparte come garanzia reale in cambio di contanti. La banca si impegna a restituire l'attivo più gli interessi e torna ad adottare le garanzie dopo un certo periodo. L'attivo rimane nel bilancio della banca, che si assume la responsabilità per il denaro da restituire.

Nel Repo 105, che è stato utilizzato per ridurre la leva finanziaria presentata dalla banca, l'operazione è molto simile ad un normale pronti contro termine, a meno che la banca prometta attivi pari al 105% del denaro ricevuto dalla controparte.La transazione è anche descritta come una "vendita" e gli attivi fuori bilancio, mentre la liquidità ricevuta viene utilizzata per regolare le passività, riducendo così l'effetto leva nei momenti critici, come quando prepara una relazione finanziaria.

La relazione conclude che Lehman ha utilizzato il 105 pronti contro termine, al fine di manipolare l'equilibrio e dare un aspetto fuorviante. Le rivelazioni della manipolazione hanno causato disgusto anche a Wall Street, il Financial Times, che ha concluso che la relazione "mette in luce la convinzione interiore di Wall Street, o per lo meno di una parte di Wall Street che ha generato guadagni consistenti e nascondeva le perdite durante il boom che ha portato alla crisi".

In quanto all'affare di Goldman-Grecia, il New York Times il 24 febbraio segnalò che la Federal Reserve degli Stati Uniti esamina le manovre finanziarie ideate da Goldman Sachs e da altre grandi banche per aiutare la Grecia a mascherare il suo crescente indebitamento nell'ultimo decennio. Come spiegato dal New York Times, nel 2001, Goldman Sachs ha aiutato il governo greco a prendere in prestito silenziosamente miliardi di dollari creando un derivato (swap o scambio di moneta) che sostanzialmente ha trasformato un prestito in un commercio di valuta che, secondo le regole europee, non era necessario comunicare.

Nel 2005, Goldman ha venduto il currency swap alla Banca Nazionale Greca, prima di trasformarlo in un soggetto giuridico britannico chiamato Titlos, nel 2008. Queste transazioni comprese operazioni finanziarie simili utilizzate da altri paesi europei hanno provocato un putiferio nel continente e dure critiche dalla Merkel ed altri leader. Goldman, però, difende lo scambio di monete della Grecia. Gerald Corrigan, presidente di Goldman Sachs Bank USA, ha detto che è "compatibile" con le norme di allora.

Il Ministro delle Finanze della Grecia, George Papapconstantinou, ha anche insistito la scorsa settimana sul fatto che il suo paese non era l'unico che aveva usato le disposizioni finanziarie previste nel 2001. Egli ha aggiunto che, poiché sono diventati illegali, la Grecia non li ha utilizzati.

Martin Khor, fondatore del Red del Tercer Mundo, è direttore esecutivo del South Centre, un'organizzazione dei paesi in via di sviluppo con sede a Ginevra
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...