jueves, 25 de noviembre de 2010

Nord Corea: Comunicato del Comando militare

Comunicato del Comando supremo dell'Esercito Popolare Nordcoreano
Il governo fantoccio della Corea del Sud ha insistito con la sua sconsiderata provocazione militare, con colpi di proiettile sparati nelle acque territoriali della Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) intorno a Yeonpyeong, un isola nel Mare Occidentale della Corea. Dalle 13.00 del 23 Novembre, nonostante i ripetuti avvertimenti della RPDC contro tale messa in scena di una guerra di aggressione, dal nome in codice  "Hoguk", si è scatenata la tensione in tutta la penisola coreana.


Queste provocazioni militari sono parte di un piano posto in essere dalla Corea del Sud in difesa della “linea di confine settentrionale”, come le continue infiltrazioni nelle acque territoriali nordcoreane, giustificate con il pretesto di intercettare i pescherecci. Le forze rivoluzionari armate della Repubblica Popolare Democratica di Corea che fedelmente  sono di guardia alle inviolabili acque territoriali del Paese hanno preso oggi una decisione militare forte, in risposta alle provocazioni militari del governo fantoccio, con un potente contrattacco.

Si tratta a tutti gli effetti della tradizionale risposta dell’esercito nordcoreano, che respinge così ogni attacco dei provocatori. Ogni volta che il governo sudcoreano sfiderà le acque territoriali della Repubblica Popolare Democratica di Corea anche solo per 0,001 mm., le forze armate rivoluzionarie della RPDC non esiteranno a sferrare un contrattacco.
Sia ben chiaro che questo solenne avvertimento delle  forze armate nordcoreane rappresenta una chiara dichiarazione e che queste parole non sono dette invano. Nel Mare Occidentale di Corea esiste solo una linea di demarcazione della marina militare, la marina della Repubblica Popolare Democratica di Corea.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...