miércoles, 4 de mayo de 2011

SIRIA: Media occidentali mentono. Una testimone racconta

Hillary Clinton ha già dichiarato che se la Siria interromperà le relazioni con l’Iran e ritirerà il proprio sostegno ad Hamas e Hezbollah, le manifestazioni cesseranno il giorno successivo.
Intervista di  Nadezhda Kevorkova per Russia Today (http://rt.com/news/syria-lies-interview/) 
www.blogghete.altervista.org  
Mentre i bollettini mediatici dipingono la situazione in Siria come una sollevazione di massa brutalmente repressa dal governo dittatoriale, le persone che vivono laggiù assistono ad eventi del tutto diversi. 
Russia Today ha contattato Anhar Kochneva, direttrice di un’azienda turistica, con sede a Mosca, specializzata in viaggi nel Medio Oriente. La Kochneva si reca spesso in Siria ed è in contatto con centinaia di persone che vivono nella regione.
 Ha parlato con noi di ciò che dicono i suoi contatti riguardo agli attuali disordini e dei personaggi cui viene attribuita la responsabilità del diffondersi della violenza. 
RT: Cosa sta succedendo in Siria? Che cosa ha visto? E che cosa dicono i siriani? 
Anhar Kochneva: Non ho mai incontrato neppure una volta qualcuno che appoggiasse, in qualsiasi modo, questi tumulti; e tenga presente che, a causa del mio lavoro, ho a che fare con persone di ogni genere. Nel paese girano molti veicoli su cui è esposto il ritratto del presidente, dai vecchi catorci che si muovono a malapena alle Porsche e ai fuoristrada nuovi fiammanti. Non si può certo costringere la gente a esporre questi ritratti. Il che significa che la gente, a prescindere dallo status sociale ed economico, sta dalla parte del presidente piuttosto che da quella della ribellione.
Ho visto una quantità di giovani, a piedi o in auto, sventolare le bandiere siriane. Come si fa a costringere un giovane che va in giro con gli amici a sventolare una bandiera? Immagino sia difficile. Chi conosce la mentalità dei siriani sa distinguere un impulso spontaneo da una costrizione imposta dall’esterno. 

Il 29 marzo, ad Harna, ho assistito ad una manifestazione organizzata in appoggio al presidente. Vi hanno preso parte molte migliaia di uomini e donne, venuti insieme ai loro bambini e alle famiglie. Le strade erano strapiene di gente. E’ stato sconvolgente scoprire che Al Jazeera ha poi presentato queste manifestazioni a favore del presidente come se fossero manifestazioni contro di lui. Altrettanto sorprendente è stato vedere alcuni siti israeliani che pubblicavano foto e video dei manifestanti filo-presidenziali con commenti in cui si affermava che erano oppositori del regime. C’era gente che agitava ritratti di Bashar-al-Assad e bandiere siriane e le didascalie dicevano che quella gente era contro di lui. 

RT: I media riferiscono di imponenti manifestazioni antigovernative. 
AK: E’ in corso una poderosa campagna di disinformazione. Il 1° aprile, i media hanno parlato di una grande manifestazione antigovernativa a Damasco. Io mi trovavo a Damasco proprio quel giorno. Quella manifestazione non c’è mai stata. Io non l’ho vista e neppure la gente del posto. 

Il 16 aprile, la Reuters ha scritto che 50.000 oppositori del regime erano scesi in strada a Damasco e che erano stati poi dispersi con manganelli e lacrimogeni. Chi vive a Damasco sa bene che una manifestazione del genere non potrebbe mai avvenire in città senza essere notata da nessuno. Quanti poliziotti ci sarebbero voluti per disperderla? E come mai nessuno l’ha vista, tranne la Reuters? Cinquecento persone sono già una folla enorme per le strade di Damasco. La Reuters diffonde il suo materiale in tutto il mondo, Russia inclusa. Una fonte racconta una menzogna e poi questa menzogna diventa una valanga, che rotola per il pendio creando una realtà fasulla, raccogliendo dicerie e speculazioni lungo il percorso. 

La gente in Siria guarda i filmati. E che cosa vede? Un’immagine che si dice venire dallo Yemen. Un’immagine che si dice venire dall’Egitto. Un’immagine che si dice venire dalla Siria. Ma tutti i filmati mostrano persone vestite nello stesso modo. I siriani sanno distinguere benissimo i propri connazionali dai cittadini delle altre nazioni, tanto dagli abiti quanto dai volti. 

Su internet si trovano alcuni video in cui viene spiegato come vengono fabbricate le riprese amatoriali delle cosiddette rivolte. Si vede una macchina parcheggiata, intorno alla quale non sta succedendo nulla. Ma accanto alla macchina c’è un uomo che lancia delle pietre. E tutt’intorno c’è gente che lo riprende. 

Vi è una quantità di video completamente fasulli. Un libanese riesce a distinguere alla prima occhiata un video girato in Libano da uno girato a Damasco. Eppure questa gente ci fa vedere filmati girati a Tripoli oppure girati in Iraq molti anni fa e poi li spaccia per manifestazioni in Siria.

Nei paesi arabi ci sono molti forum femminili online. Le donne si scambiano informazioni dopo aver visto alla TV i filmati dei “disordini di massa”. Una donna scrive: “Cosa succede fuori dalla vostra finestra?”. E le altre rispondono: “Abbiamo guardato dal balcone e non abbiamo visto nulla di ciò di cui parla la TV”. 

In questi giorni sono stati uccisi molti giovani poliziotti disarmati. La propaganda dei media li etichetta immediatamente come vittime del regime. Ripeto: i poliziotti sono disarmati. La polizia siriana non è brava ad usare le armi, perché cose del genere non succedevano qui da molto tempo. Ma le reclute assassinate vengono fatte passare o per vittime tra i manifestanti oppure per poliziotti che si erano rifiutati di sparare sui loro concittadini, a seconda delle preferenze dell’editore. Sembrano avverarsi le parole di Goebbels: quanto più grande è la menzogna, tanto più la gente ci crederà. 

RT: Ma perché i poliziotti muoiono se non ci sono manifestazioni di massa? 

AK: I poliziotti vengono uccisi da coloro che sanno che sono disarmati. 

RT: Chi è che spara ai poliziotti? 

AK: Se ne discute molto in Siria. Le voci dicono che dei commandos addestrati abbiano attraversato il confine con l’Iraq. I siriani sanno bene che, dopo l’occupazione dell’Iraq da parte degli americani, laggiù sono state create delle squadre speciali. Queste squadre sono abituate ad uccidere la gente, per far esplodere conflitti tra comunità sunnite e sciite, tra musulmani e cristiani; fanno saltare in aria strade, mercati, moschee e chiese. Sono attacchi terroristici che prendono di mira i civili piuttosto che il regime degli occupanti. 

Non molto tempo fa, tre membri di uno di questi commandos sono stati catturati alla periferia di Damasco. Si è scoperto che erano irakeni. 
La TV siriana ha mostrato dei filmati in cui qualcuno spara contro poliziotti e passanti nascondendosi tra i cespugli o sui tetti. Ogni tanto uno di questi cecchini viene catturato e si scopre che è un irakeno oppure che è stato pagato per sparare. Questi individui vengono incarcerati a Deraa e a Latakia. Hanno sempre armi fabbricate negli Stati Uniti. 

I servizi di sicurezza libanesi hanno intercettato diverse automobili che cercavano di far entrare armi in Libano. Una di queste macchine veniva dall’Iraq. E anche in quella macchina c’erano armi americane. Ci sono rapporti secondo i quali le persone arrestate avevano con sé anche grosse somme di denaro, in dollari americani. Avevano costosi telefoni satellitari che i servizi di sicurezza siriani non sono in grado di intercettare. 

In Siria non è un segreto per nessuno il fatto che gli americani abbiano colto l’irripetibile occasione di reclutare e addestrare commandos in Iraq, per poi inviarli dovunque ne abbiano voglia. 
Hillary Clinton ha già dichiarato che se la Siria interromperà le relazioni con l’Iran e ritirerà il proprio sostegno ad Hamas e Hezbollah, le manifestazioni cesseranno il giorno successivo. Non si curano nemmeno di nascondere la mano che sta fomentando le rivolte in Siria. 
Ci sono una quantità di elementi che provano l’interferenza straniera. 
La gente racconta che i manifestanti vengono fatti arrivare da fuori per mettere in piedi le manifestazioni. Sono persone che appaiono differenti dagli abitanti del luogo. Nella zona, nessuno li conosce. Chi è che affitta gli autobus e finanzia il viaggio a questi individui? La domanda non trova risposta. 

L’ex presidente siriano Abdel Halim Khaddam ha fatto iniziare i tumulti nelle regioni costiere. Aveva depredato mezzo paese. Era coinvolto in trame di corruzione e alla fine è scappato in occidente. E’ lui che ha tentto di accusare il presidente siriano Bashar al-Assad di aver fatto assassinare l’ex primo ministro libanese Rafic Hariri. I siriani sono convinti che Sayed Hariri abbia regalato personalmente una villa a Abdel Halim Khaddam per diffondere questa versione dell’omicidio di Rafic Hariri. Ma quando questa versione non ha retto e non è stata confermata, la villa gli è stata tolta. Oggi, coloro che sparano contro le automobili a Baniyas [zona delle alture del Golan occupata da Israele e rivendicata dalla Siria, NdT], urlano: “Non vogliamo Bashar! Vogliamo Abdel Halim!”. 

A Baniya vi sono anche membri dell’opposizione pacifici e ragionevoli, che si oppongono da molti anni al regime di al-Assad. Ma essi sono sconvolti da ciò che sta accadendo e non appoggiano minimamente Khaddam. Dicono: “E’ un furfante. Proprio lui che ha rubato a man bassa ora chiama a raccolta per combattere la corruzione e la frode”. 

RT: Che ruolo giocano gli emigrati siriani nella destabilizzazione della Siria? AK: E’ una questione aperta. Corre voce che Dan Feldman, rappresentante speciale di Hillary Clinton per il Medio Oriente, abbia incontrato alcuni rappresentanti dell’opposizione siriana a Istanbul, a metà di aprile, e abbia suggerito tattiche per l’assassinio di funzionari civili e militari. Dopo meno di tre giorni, il 19 aprile, diversi funzionari militari sono stati brutalmente assassinati in Siria. Non solo sono stati attaccati e uccisi con armi da fuoco, ma alcune vittime degli attacchi, inclusi tre figli di un generale siriano che erano in auto con lui, sono stati fatti a pezzi a colpi di lama. 

Gli omicidi compiuti con un alto livello di brutalità hanno lo scopo di intimidire la popolazione. La notizia che dei bambini erano stati fatti a pezzi è servita egregiamente allo scopo. 

RT: Sui media è stato detto che le rivolte sono iniziate dopo l’arresto nella città di Deraa, nel sud della Siria, di alcuni ragazzi che scrivevano slogan contro il governo. E’ davvero così? 

AK: Tutti quei ragazzi sono stati rilasciati molto rapidamente. Inoltre, i giornali del governo siriano hanno anche pubblicato gli ordini di scarcerazione. 

RT: E’ vero che le truppe sono entrate a Deraa? 

AK: Sì, è vero. Dopo che a Deraa era stato proclamato un emirato islamico, i residenti del luogo hanno chiesto aiuto al governo. Sono state inviate le truppe militari. Ho visto i filmati. I manifestanti li hanno pubblicati su internet e poco dopo li hanno cancellati. Ma la gente ne ha fatto delle copie. Si vedono dei soldati e delle persone che vanno da loro a parlare pacificamente. Nessuno spara contro nessuno. 

RT: C’è, in Siria, la sensazione che se si rinunciasse ad appoggiare Hamas e i palestinesi e si stringesse un accordo di pace con Israele, tutte le rivolte cesserebbero immediatamente?
 
AK: No, non c’è questa sensazione. C’è una sorta di consolidamento sociale. Le persone si stringono l’una all’altra perché comprendono che il nemico è estremamente pericoloso. Ad esempio, in precedenza non avevo mai sentito nient’altro alla radio che musica pop e recite del Corano quando prendevo il taxi. Ora in tutte le auto si sente suonare musica patriottica. Quando Bashar al-Assad ha parlato alla televisione, le persone che al mercato lo stavano ascoltando lo hanno applaudito. Non si può costringere la gente ad applaudire un presidente che parla in televisione. 

  RT: Qual è l’umore dell’opinione pubblica negli ultimi giorni? 
AK: La gente ha paura ad uscire. In alcune regioni, certe persone hanno rischiato la vita per riprendere con una videocamera nascosta degli individui non identificati che salivano su una macchina, partivano e poi iniziavano a sparare in tutte le direzioni. E’ così che stanno seminando il panico nelle zone residenziali. 
Alcuni banditi hanno bloccato un ponte sulla strada che porta verso la costa. Poco dopo, i militari li hanno respinti. Uno dei miei contatti siriani mi ha detto: “Non ci vogliono molte persone per trascinare il paese nel caos”.  

Cinque persone che si mettono di traverso su una strada di grande traffico, sono sufficienti a paralizzare l’intera zona. La gente non sarebbe più in grado di consegnare i generi alimentari o di raggiungere gli ospedali. E tutto il paese verrebbe sconvolto da una manciata di banditi. 
Adesso la TV siriana sta trasmettendo in diretta da diverse zone di Damasco e da altre città per far vedere alla gente in che modo si stia evolvendo la situazione e come la vita stia tornando alla normalità, checché ne dicano i media occidentali. 

E’ importante notare che questi banditi hanno cercato intenzionalmente di aizzare l’odio tra le diverse comunità. Di recente, uno sceicco ha insultato i Drusi, soprattutto le donne, mentre si rivolgeva ai residenti del sud. Questo video è stato trasmesso dalle TV straniere e viene pubblicizzato su internet. Non era mai successa una cosa del genere in Siria prima di adesso. Anche a Damasco vi sono state delle provocazioni, che sono fallite, nonostante si sia tentato di mettere le comunità religiose l’una contro l’altra. I provocatori non hanno sostegno nemmeno nelle aree rurali. La campagna di odio era iniziata lì. 
Le dimostrazioni più partecipate a Deraa hanno raccolto 500 persone. E secondo i media sarebbero state uccise 450 persone. 

RT: Il governo ha avviato delle riforme? 
AK: Il governo ha annullato la legge marziale e ha concesso la possibilità di tenere manifestazioni autorizzate, purchè il permesso venga richiesto con cinque giorni d’anticipo. Agli stranieri è stato consentito di acquistare beni immobili. Ai curdi è stata garantita la cittadinanza. La popolazione curda non godeva, in precedenza, dei diritti di cittadinanza per tutta una serie di ragioni storiche. Il governo ha aperto corsi professionali per le donne nel nord della Siria. Molti governatori delle province sono stati rimossi. In molti casi, sfortunatamente, si trattava di persone oneste. Gente che si era rifiutata di scarcerare dei criminali in cambio di tangenti e che per questo è stata bersagliata da campagne diffamatorie. 

RT: Il numero di voli verso la Siria è stato ridotto?
 
AK: Non ci sono biglietti aerei per entrare in Siria. Volevamo far venire in Siria un gruppo di turisti, ma per il 30 aprile non c’erano biglietti per Damasco. Comunque i russi non stanno lasciando la Siria. Grazie al mio lavoro, ho informazioni certe in proposito.
Traduzione a cura di Gianluca Freda

1 comentario:

Real time dijo...

http://adelkeren.blogspot.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...