martes, 20 de noviembre de 2012

Il presidente ecuadoriano Correa, intervistato da ‘Hoy por Hoy’ in Spagna (1)

Intervista di Gemma Nierga e Pepa Bueno in ‘Hoy por Hoy’, dal vivo dopo il Vertice Iberoamericano a Cádiz.
El presidente de Ecuador, Rafael Correa, entrevistado por Gemma Nierga y Pepa Bueno en 'Hoy por Hoy'Buongiorno Presidente. 
Buongiorno Gemma e Pepa.
Oggi c’è un pubblico molto giovane che sta riempiendo questa sala e si è reso conto che c’è un gruppo di studenti lì nel fondo e questo mi ha chiamato molto l’attenzione in quanto sono ragazzi di 15 – 16 anni.
Questa è un’allegria. Che bello vedere dei
giovani che si preoccupano di quello che accade nella propria società, che s’interessano e si informano. Ai giovani bisogna dire che non bisogna scappare dalla politica, la politica non è tutta negativa, alcuni politicanti sono negativi. La politica è uno strumento attraverso il quale la società razionalmente opta, sceglie, decide e voi dovete coinvolgervi politicamente affinché le nostre società, e in questo caso quella spagnola, scelga.
La prima soddisfazione e sorpresa per il Presidente è appunto la presenza dei giovani qui in sala. Si è portato qualche altra sorpresa da quando è qui?
Beh prima di tutto devo chiede scusa per la mia voce rauca. Questo è causa del freddo durante i 3 giorni a Milano. Dunque non conoscevo l’Andalusia e sappiamo quanto è bella la Spagna, però quanto è meravigliosa Siviglia. Abbiamo visitato alcuni monumenti di questa città e siamo arrivati oggi qui a Cadiz alle 4 di mattina e non abbiamo avuto ancora il piacere di visitarla.
Meglio non dire a quale velocità son giunti qui perché altrimenti le fanno una multa.
No! (ridendo) però quel poco che abbiamo potuto vedere le posso dire che è molto bello.
Ci piacerebbe iniziare questa conversazione con un argomento che preoccupa noi tutti spagnoli e anche le migliaia di ecuadoriani presenti qui nel nostro paese e cioè degli sfratti (desahucios). Si contano secondo le stime che ho qui a mia disposizione, 40000 sfratti di casa all’interno della comunità ecuadoriana e ci sono 80000 ecuadoriani che hanno seri problemi nel continuare a pagare la casa. Lei se la sentirebbe di denunciare le banche? Cosa si può fare o cosa si è fatto negativamente?
crisi spagnola
crisi spagnola
Veda la cosa interessante è che ci sono molti giovani presenti qui.
Dunque in base al fatto che si è sempre fatto cosi si è giunti alla conclusione che sia normale o che sia comune, però non è affatto normale. Noi siamo rispettuosi con la sovranità di ogni paese, cosi con il Governo del Presidente Rajoy però qui c’è qualcosa di fondo e questo non ha ragion di essere. Qui ci troviamo davanti alla supremazia del capitale sull’essere umano.
Dunque vediamo cosa è successo: c’è stato un eccesso di liquidità, le banche stesse chiamavano i clienti e gli prestavano dei soldi, valorizzavano la casa per 200 mila euro e ne davano 250 mila, sempre in funzione del capitale o del capitale finanziario cosa è successo poi, che quando è venuta la crisi la stessa casa, che era stata valorizzata 250 mila euro, ora ne vale 50 mila. In buona fede non si è potuta pagare e allora la banca cosa ha fatto? Si è presa la casa e la famiglia ora deve restituire alla stessa banca 150 mila euro, cioè la differenza sul valore della casa attuale.
Quindi le persone, le famiglie sono restate senza casa e con i debiti. E qual è stato il rischio che ha corso il capitale? Nessuno! Eticamente il rischio deve cadere sul capitale e non solo sull’essere umano. E questo in base all’abitudine ci fanno credere che sia normale, che sia una cosa tecnica, quasi una legge naturale. Tutto questo è falso!.
Inoltre questo dimostra la relazione di potere in una società, tra coloro che comanda e chi no e cioè tra i cittadini o il capitale finanziario. E’ questa la grande sfida dell’umanità del XXI secolo. Ed ora a livello globale ci domina il capitale finanziario e non dev’essere cosi.
Secondo lei come fare con questi contratti?
Bene in marzo quando son venuto qui in Spagna, dopo un giro in Turchia, ho denunciato fortemente tutto questo e quando son ritornato in Ecuador alcuni miei assessori mi hanno bacchettato dicendomi :”Presidente lei ha rimproverato Rajoy ma qui in Ecuador abbia la stessa legge al riguardo”e dunque abbiamo cambiato la legge. Le leggi si possono cambiare.
Dunque lei sta dicendo al Governo spagnolo di cambiare la legge?
Io non sto dicendo assolutamente nulla al governo spagnolo.
Però lei sta dicendo che quando ritornò in Ecuador si rese conto che aveva la nostra stessa legge e l’ha cambiata.
La garanzia per lo meno di estinguere il debito, se non che garanzia è. Questo economicamente si chiama l’azione di pagamento. Dunque io mi indebito con la casa, in buona fede non posso pagare e allora do la casa alla banca e si estingue il debito però. Io ho perso la casa, la banca perde il suo credito e per lo meno si è ripartita la perdita. Qui invece non è cosi o non è stato cosi. Qui la famiglia perde la casa e resta con i debiti. Questo è un atto criminale è totalmente ingiusto, non dev’essere assolutamente cosi, questo è un abuso del capitale.
Ed inoltre lei ha proposto una riforma legislativa nella quale si dichiara che le banche spagnole non possono perseguire le propietà dei cittadini ecuadoriani.
Dunque lei mi chiede che alternativa c’è?
Bisogna modificare le leggi e verificare inoltre la validità di questi contratti che contraddicono la normativa europea al riguardo. Sono stati contratti di adesione, non spiegati alla gente, fatti in serie e fatti firmare a persone non avvertite del pericolo. Questo è un atto illecito e la cosa peggiore che è tutto fatto per l’ammissione del capitale finanziario per voler poi far ricadere tutto il peso della crisi sull’essere umano. E si verifica una situazione assurda cioè, che restano famiglie che hanno bisogno di case e banchieri che non hanno bisogno di case ma ne sono pieni.
Uno degli argomenti che si stanno utilizzando qui è quello di non preoccupare le banche e di non creare un’assenza di garanzia, di non rendere nervoso il mercato e di non spaventare gli investitori stranieri.
Bene mi lasci lavorare un pò più sull’argomento e conversare con i ragazzi. Dunque io sono un’economista malgrado sia una buona persona. (risate dal pubblico). Tutti dobbiamo sapere un pò di economia. In economia quello che si cerca è il benessere dell’essere umano e della società. Insisto se seguiamo cosi andiamo al peggior dei mondi, famiglie che hanno bisogno di case e che non hanno casa e non perché l’economia o la società non sia capace di realizzarle ma per mancanza di coordinazione o per l’ambizione del capitale finanziario.
E allora quali sono i margini della risoluzione del problema da parte dei politici? Lei sta dicendo ai giovani, io sono un economista però è anche politico se anche non le piace
Dunque l’economia è nata come scienza politica e questo è un altro grande errore. L’economia è tecnica e un tecnico deve saper guidare l’economia e applicare le direttive politiche in un modo integrale.
E dalla politica si può fare qualcosa o manca di sensibilità?
Io invece penso che dall’economia si possa risolvere il problema. Se si prende in considerazione la relazione del potere in una società allora questo è di carattere politico. Un grande economista, uno dei miei preferiti, Albright, diceva che un economista che fa l’estrazione della relazione del potere è un perfetto inutile. Le ripeto la gente che resta senza casa non ha nulla a che vedere con l’economia è un aspetto di carattere economico e cioè è l’esercizio dell’abuso del capitale sull’essere umano.
Le voglio rispondere alla seconda domanda, quando lei mi dice che il mercato si spaventa. Ma che ricatto che ci fa il capitale. Se c’è nervosismo dei mercati e allora che si prendano un valium. (risate dal pubblico).
Come sta facendo l’Ecuador o per meglio dire come sta soffrendo la situazione economica il suo paese?
Guardi stiamo soffrendo cosi tanto che l’anno scorso siamo stati la terza economia che è cresciuta in sud america quasi dell’8%, siamo il paese latinoamericano con la percentuale di disoccupazione più bassa cioè sotto il 5%, si è ridotto squilibrio della povertà e per la prima volta la povertà estrema per ingressi è del 9%.
Come ci vede allora a noi? Come vede la Spagna?
Con molta preoccupazione. Noi in America Latina siamo abituati a questa situazione di crisi, abbiamo non so quanti dottorati per affrontare le crisi cicliche, di come affrontare i debiti esteri, come pagare i debiti al FMI  o alla BMI. Vede questi due organismi tra l’altro non si preoccupano assolutamente di risolvere la crisi, l’ unica cosa che li preoccupa è come recuperare i debiti dei vari paesi, di come recuperare gli interessi del capitale finanziario.
Ora la Spagna sta accettando un ricettario del FMI, lo stesso ricettario che ha distrutto le economie di interi paesi dell’America Latina. Inltre noi con il debito estero abbiamo avuto problemi nella decada degli anni ’80, anni ’90, abbiamo vissuto la crisi del ’99 ed è per questo che ci sono emigranti ecuadoriani. Tutto fu il frutto di una crisi finanziaria e del fallimento di 16 banche per l’irresponsabilità dei banchieri.
Secondo il fondamentalismo del neoliberismo che proclamava l’autoregolamentazione, furono eliminati i controlli attraverso la riforma nel 1994. Si regolarono cosi bene che fallirono 16 banche nel 1999 e questo produsse 2 milioni di emigranti. Ed è per questo che vi sarete resi conti che negli ultimi 10 – 12 anni qui in Spagna sono arrivati migliaia di ecuadoriani. L’Ecuador non era un paese di emigranti.
Quindi rispondendo alla sua domanda le dico che siamo dottori in questa classe di crisi ed è per questo motivo che facciamo poco caso a quello che ci dice questa burocrazia internazionale (IL FMI). In cambio noi vediamo con preoccupazione che la Spagna e tutta l’Europa stanno soffrendo o si stanno incanalando in questi processi che hanno fatto soffrire l’America Latina.
Che raccomandazione darebbe all’Unione Europea e alla Spagna?
Guardi non vogliamo dare nessun suggerimento perché nessuno ce l’ha chiesto e non vogliamo immischiarci nelle cose interne dell’Unione Europea malgrado la presenza e la sofferenza di molti emigranti ecuadoriani. Io dico solo questo e la metto su una questione di carattere politico. Chi comanda in una società? Gli essere umani o il capitale finanziario?
Presidente in questo incontro lei è stato molto critico e non è la prima volta. Lei ha affermato che  questi sono incontri inutili perché si parla di luoghi comuni e non si affrontano i veri problemi dell’umanità.
Si ho detto che sono veramente inutili. Beh la cosa piacevole di questo incontro è di aver visitato Cadiz che è una bella città. I nostri popoli si stancano di vedere i loro mandatari negli incontri e loro restano con i soliti problemi.
Molti spagnoli ora stanno andando in sud america per lavorare. Cosa gli direbbe?
Benvenuti! Veda l’America Latina è stata una terra che ha ricevuto milioni di emigranti tra i quali molti spagnoli e soprattutto dopo la II guerra mondiale. Al contrario l’Europa è sempre stato un paese di emigranti e solo recentemente si è convertito in un luogo di immigrazione, per questo vediamo con preoccupazione la risposta dell’Europa alla criminalizzazione del fenomeno migratorio. Quando costruiscono le carceri per esempio.
La storia è stata al contrario. Gli europei che sono andati sempre via e in America Latina son stati ricevuti a braccia aperte, mentre negli ultimi anni l’Europa è terra d’immigraziione e si comincia a criminalizzare questo fenomeno. Ecco questo deve portarci ad una riflessione e questo si che sarà un tema di discussione in questo incontro. 
Testo in italiano a cura di Davide Matrone (Quitolatino
albainformazione.wordpress.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...