lunes, 9 de junio de 2014

Spagna - Partito Podemos: Esperienza dei paesi sudamericani utile per affrontare la crisi

E' la quarta forza politica -  Le politiche attuate dai governi di ispirazione bolivariana sono applicabili anche in Europa

Il piccolo gruppo di ideologi che, guidati dal professore Pablo Iglesias, hanno lanciato il partito Podemos, grande novità delle recenti elezioni europee in Spagna, condividono la convinzione che le politiche attuate dai governi latinoamericani di ispirazione bolivariana come il Venezuela, l'Ecuador e la Bolivia possono essere applicabili in Spagna per affrontare la crisi economica e del "regime politico" che attraversa il paese.
 
Al di là dei principi generali sostenuti da Podemos, che vanno dal "convertire l’indignazione in cambiamento politico" o riconquistare la sovranità popolare, i suoi ideologi condividono la necessità di tener conto delle esperienze dei governi latinoamericani come il Venezuela per "ripristinare la democrazia e mettere la politica a servizio del popolo" spagnolo.
 
"Paesi come l'Ecuador, il Venezuela, la Bolivia, il Brasile, l’Argentina o l’Uruguay accumulano esperienze che possono essere molto interessanti per un progetto politico da impostare nell’Europa meridionale", ha detto Iglesias, ora eurodeputato del partito, nel corso di una conferenza all’Università dei Paesi Baschi nel 2013, durante la quale ha insistito sul fatto che l'esperienza di questi governi può essere applicata "in un contesto non molto diverso”.
 
Secondo Iglesias, la traiettoria dell'America Latina dal 1998 è una "preziosa esperienza" per affrontare la crisi con "politiche pubbliche che hanno a che fare con la redistribuzione del reddito, la politica fiscale o il recupero settori strategici." "Per studiare queste politiche, che sono cruciali per l'Europa meridionale bisogna guardare all'America Latina, che è uno dei pochi posti che ha cercato di fare politica in modo diverso", ha aggiunto.
 
Inoltre, un anno prima di creare Podemos, e diventare la quarta forza politica del paese, Iglesias avvertiva che la "crisi del sistema politico spagnolo del 78" avrebbe potuto aprire un nuovo scenario di "opportunità politica" che, se correttamente gestito, avrebbe portato alla sostituzione di "quelli che storicamente hanno comandato in questo paese".
 
Tra gli ideologi di Podemos figurano, oltre a Pablo Iglesias, anche il professor Juan Carlos Monedero, un politogolo specializzato nella rivoluzione bolivariana che ha anche lavorato per il governo venezuelano di Hugo Chavez. Per Monedero la rivoluzione bolivariana è riuscita, con il suo socialismo del XXI secolo, a consegnare le "barbarie del capitalismo alla pattumiera della storia."  
 
Sia Iglesias che Íñigo Errejón, responsabile della campagna elettorale di Podemos, e altri ideologi del partito sono membri della Fondazione Centro di Studi Politici e Sociali (CEPS), un'organizzazione dedicata "alla produzione di pensiero critico e il lavoro culturale e intellettuale per incoraggiare il consenso della sinistra".
 
"Crediamo che l'America Latina sia diventata il laboratorio più interessante per la trasformazione politica e sociale che sta alimentando le speranze della popolazione in tutto il mondo. Tuttavia riteniamo che il valore dell'esperienza latino-americana non si limiti a quella sola regione del mondo ma possa essere utile anche per generare una dinamica di trasformazione sociale in Europa e nello Stato ", si legge sul sito del CEPS.
fuente: Antidiplomatico
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...