lunes, 16 de febrero de 2015

Haiti: A 5 anni dal terremoto la ricostruzione fraudolenta sotto occupazione militare

    Nel 2014, quasi cinque anni dopo il devastante terremoto,
numerose proteste di massasi sono svolte contro l'occupazione 
delle Nazioni  Unite (MINUSTAH), per lapartenza del presidentehaitiano Michel Martelly e il primo ministro Laurent LamotheQuest'ultimo infine si è 
dimesso nel dicembre 2014. Questi eventi non hanno avuto 
nessuna menzione dai media mainstream. Perché?
Quando le proteste anti-governative si verificano in un 
paese che non

Stati&Bande:Ci si può schierare? qui

è guidato da un alleato degli Stati Unitivi è un'ampia copertura. Gli attuali leader di Haiti sono "adatti" per i leader occidentali, in particolare per gli Stati Uniti, perché in realtà, sono loro che scelgono i leader del paese, non il popolo di Haiti.
Di Julie Lévesque
Mondialisation
Il 12 gennaio, c'è stato 5° anniversario del devastante terremoto, ma le principali questioni e problemi strutturali non sono, né saranno affrontati onella migliore delle ipotesisaranno presentati in un modo che sostiene la nozione fuorviante delfardello dell'uomo bianco. "Haiti ha bisogno di aiuto". "E' davvero il caso? E di che tipo di aiuto stiamo parlando?
"Gli aiuti internazionali" sono solo uno strumento capitalistico imperialeprogettato per mantenere il Sud prigioniero delle disastrose politiche neoliberiste del Nord, che ostacolano un vero sviluppo e per impedire la sovranità economica e politica del Sud.
Dove finiscono i soldi degli aiuti? Nelle stesse tasche di coloro che pretendono di donare. Haiti è probabilmente il miglior esempio della vera truffa degli aiuti internazionali.
Bush e Clinton: i salvatori
Come ogni buon neoliberista che sa di non dover sprecare una grave crisi, Bill Clinton, ha visto il terremoto del 2010 come una grande opportunità. Come fa notare Dady Chery:
[All'inizio dell'occupazione statunitense nel 1915] è stato imposto ad Haiti un trattato per la creazione della carica di Alto Commissario degli Stati Uniti a guidare il paese insieme al suo presidente "haitiano" selezionato [...] Il controllo delle finanze del paese, dei lavori pubblici e servizi sanitari pubblici sono stati trasferiti ai democratici statunitensi del sud che avevano sostenuto la campagna di Wilson, allo stesso modo in cui oggi sono trasferiti all'USAID e alle organizzazioni non-governative (ONG). L'idea all'epoca era la stessa di oggi: l'intera economia di Haiti deve servire gli Stati Uniti e quasi tutti i dollari pagati come salari di Haiti dovrebbero tornare negli Stati Uniti.
Clinton ha visto nel terremoto del 2010 la possibilità di diventare il nuovo Alto Commissario statunitense di Haiti [...]. Nei quattro mesi successivi al terremoto, ha formato la Commissione ad interim per la ricostruzione di Haiti ( CIRH ), un club esclusivo dove si deve "pagare per giocare", cioè un gruppo di ricchi funzionari e uomini d'affari dei paesi della MINUSTAH e altrove, che hanno accettato di fornire truppe nazionali o soldi [...] in cambio di un po' di "azione" in Haiti. Dopo qualche pressione e un po' di corruzione, il Parlamento haitiano è stato costretto a dichiarare uno stato di emergenza di 18 mesi, durante i quali Clinton e la sua banda del CIRH potevano gestire la ricostruzione a loro piacimento, senza essere perseguiti per la loro responsabilità. Un anno e mezzo più tardi, quando il Senato di Haiti ha rilevato che ben poco era stato fatto, ha accusato il CIRH di esserefraudolento e lo stato di emergenza non è stato rinnovato. (Dady Chery, Haiti: Time for Clinton and Co to Pack and Go, Nouvelles Junkie Post, 15 dicembre, 2014)
L'influenza nefasta di Bill Clinton nel paese non è nuova. Uno studio delle strategie di liberalizzazione economiche imposte ad Haiti dagli Stati Uniti negli anni '80 e '90 ha evidenziato che "il presidente Clinton e altri inquilini recenti della Casa Bianca hanno condannato [ndr] Haiti ad un futuro di povertà endemica attraverso una politica egoistica statunitense sull'esportazione del riso".
L'Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID), tra le altre organizzazioni, ha incoraggiato Haiti ad avviare l'esportazione di prodotti agricoli preparati e trasformati, sottolineando la necessità di importare cereali di base sul mercato internazionale [... ] Gli esperti americani hanno lavorato per smantellare l'economia rurale di Haiti, anche se i funzionari dell'USAID hanno riconosciuto che una tale mossa poteva aumentare la povertà e contribuire a un declino degli standard medi di reddito e di salute degli haitiani. Nel 2003, circa l'80% del riso consumato ad Haiti è stato importato dagli Stati Uniti".(Leah Chavla, Bill Clinton’s Heavy Hand on Haiti’s Vulnerable Agricultural Economy: The American Rice Scandal,Council on Hemispheric Affairs, 13 aprile, 2010)
Il business dei soccorsi e degli aiuti internazionali nei disastri

Il terremoto di Haiti è stata un'opportunità di business e molte industrie hanno approfittato del disastro, estrazione, abbigliamento e turismo, solo per citarne alcune. Le donazioni hanno favorito le imprese dei paesi donatori più delle stesse di Haiti, diversi progettihanno visto il superamento dei costi ed altre si sono rivelate inutili per la mancanza di infrastrutture critiche.
E' un fatto ben noto e documentato nei circoli dei media indipendenti che l'aiuto internazionale è solo un business redditizio travestito carità. Circa l'80% dei fondi di aiuto internazionali dedicati ai paesi in via di sviluppo finisce nelle casse delle imprese e delle organizzazioni non governative (ONG) dei paesi donatori. Lungi dall'aiutare, questa dinamica crea una relazione di dipendenza ostacolando, o addirittura impedendo ai paesi "beneficiari" di sviluppare le stesse strutture che potrebbero liberarli da questo rapportocoloniale. 

Mentre la maggior parte delle persone che lavorano per organizzazioni umanitarie occidentali hanno buone intenzioni, la politica occidentale "umanitaria" verso paesi come Haiti sono deliberatamente progettate per mantenere la superiorità finanziaria del Nord sul Sud. Questo è stato dimostrato dagli effetti disastrosi delfamigerato programma di "aggiustamento strutturaledel Fondo Monetario Internazionaleincentrato sulla privatizzazione massiccia e il libero scambio chehanno distrutto le economie localil'agricoltura e la sovranità alimentare dei paesiche ora si basano su "aiuti alimentari". Questo è quello che è successo ad Haiti:
Mentre alcune agenzie statunitensi governative sostengono che i loro programmi sono progettati per ridurre la fame e promuovere la produzione agricola, altri programmi hanno costretto l'apertura del mercato di Haiti, creando milioni di nuovi consumatori per i prodotti agricoli statunitensi, come riso, pollame, carne di maiale e altri, mettendo in crisi la produzione agricola locale e trasformando le abitudini alimentari di Haiti. 

Poiché circa il 50-60% della popolazione vive ancora nel settore agricolo, queste politiche hanno avuto effetti molto negativi sull'economia in generale. Ad esempiouno studio di Christian Aid2006 stima che 831.900 persone sono state direttamente colpite dallacaduta dei prezzi nel 1995che un tempo proteggevano zuccheroriso e pollo haitiani.
Haiti importa ora almeno il 50% del suo cibo, soprattutto dagli Stati Uniti ed è diventato il secondo più grande importatore di riso statunitense del pianeta.  (HAITI: Aid or Trade? The Nefarious Effects of U.S. Policies, Ayiti Kale Je, 6 novembre 2013)
Le ONG occidentali sono uno strumento imperiale, scrive Ezili Danto:
Le ONG stanno attuando le politiche imperiali statunitensi in Haiti in cambio di "finanziamenti di beneficenza" - nel senso che riciclano il denaro dei contribuenti statunitensi e il denaro dei donatori e lo mettono nelle loro tasche. Le politiche imperiali degli Stati Uniti sono volte a distruggere la produzione e l'economia locale di Haiti espropriando le risorse naturali del paese creando un mercato più ampio per i loro monopoli sovvenzionati da Wall Street (Ezili Dantò,Haiti: US to Re-Write Haiti Constitution to Better Service the One Percent, Black Agenda Report, 2 luglio2013)
Secondo i dati del governo degli Stati Uniti, i cinque principali imprenditori che hanno ricevuto fondi relativi ad Haiti negli ultimi 5 anni sono, infatti, negli Stati Uniti:
  • 1. Chemonics International Inc., (società di sviluppo internazionale, USA): $ 118.961.374
  • 2. Development Alternatives Inc. (società di consulenza, USA): 67.703.366 $
  • 3. Cce / DFS Inc. (società di consulenza degli Stati Uniti): $ 20.551.722
  • 4. Tetra Tech Inc. (società di consulenza, ingegneri, ecc, Stati Uniti): 16.294.596 $
  • 5. Pathfinder International (ONG, Stati Uniti): $ 16.036.859
I primi cinque destinatari dei fondi federali per Haiti per lo stesso periodo sono stati: 
  • 1. Ministero della Salute, Haiti: $ 137.751.752
  • Missione di stabilizzazione delle Nazioni Unite in Haiti (MINUSTAH): $ 117.111.216
  • 3. Ufficio di gestione delle urgenze, New York: 36.912.02 $
  • 4. Città di Miami: 35.270.000 $
  • 5. Miami- Dade Fire Rescue Department $ 34.070.000
Finanziamento dell'occupazione
 
Dopo il Ministero della Salute di Haiti, l'occupazione militare ha ricevuto i maggiori finanziamenti dagli Stati Uniti. Nel 2013, 117.111.216 di dollari sono stati stanziati dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nella cosiddetta Missione delle Nazioni Unite di stabilizzazione ad Haiti (MINUSTAH), per "mantenere le attività di pace".
La MINUSTAH è stata fondata il 1° giugno 2004, dopo un colpo di stato guidato da Stati Uniti, Francia e Canada che ha destituito il presidente democraticamente eletto Jean-Bertrand Aristide, sotto la bandiera del Fanmi Lavalas il partito politico più popolare nel paese. Dopo aver dominato il voto nelle due elezioni in cui aveva partecipato, il partito Fanmi Lavalas è stato vietato dalle elezioni del 2010, "vinte" dal candidato favorito degli Stati Uniti, Michel Martelly.Dady Chery dice:
"Clinton e i suoi compari cominciarono a cercare un altro modo per continuare la loro stretta mortale economica del paese e questo attraverso un presidente haitiano adeguato, che, in particolare, sarebbe stato  popolare tra i giovani, ma che mancava il patriottismo.Hanno trovato il loro uomo nel volgare musicista Michel Martelly. La sua elezione è diventata una mera formalità, dopo che una commissione elettorale aveva escluso la partecipazione del partito Fanmi Lavalas, che aveva attirato l'80% degli elettori. Gli osservatori del Caricom e dell'Organizzazione degli Stati americani (OAS) hanno legittimato i risultati nonostante le numerose irregolarità e le schede di solo (circa) il 20% dell'elettorato. Queste sono le condizioni delle (s)elezioni che hanno fatto di Michel Martelly il presidente di Haiti". (Chery, op. Cit.)
Il mandato della MINUSTAH è stato esteso il 15 ottobre 2014. Dovrebbe essere chiamata forza di occupazione in modo da riflettere la sua vera natura. Fin dall'inizio le sue operazioni di "peacekeeping" (mantenimento della pace) includevano la repressione politica dei sostenitori di Fanmi Lavalas. Recentemente hanno sparato proiettili veri contro i manifestanti:
Durante questi dieci anni, il MINUSTAH ha raggiunto un record orribile di violazioni dei diritti umani, tra cui esecuzioni extragiudiziali, un'epidemia di violenza sessuale contro uomini, donne e bambini di Haiti, la repressione delle manifestazioni politichepacificheoltre ascatenare il coleraattraverso una negligenza criminale che ha causato la morte di oltre9.000 persone e infettato quasi un milione. (Dr Ajamu Nangwaya et Kevin Edmonds, On October 15, the United Nations Will Fail Haiti Once Again, Global Research, 14 ottobre 2014)
La polizia haitiana è stata anche addestrata dalla società militare privata di sicurezza statunitense (EPMS) DynCorp.

In aprile 2013, la DynCorp ha ricevuto un contratto di 48,6 milioni dollari dal US State Department’s Bureau of International Narcotics and Law Enforcement Affairs, per un periodo di base di un anno con tre opzioni di un anno per l'inserimento dei propri allievi nella forza di polizia delle Nazioni Unite ad Haiti. (Dady Chery,  Tontons Macoutes Reconstitution d’Haïti et de leur fusion avec la MINUSTAH , Haïti Chery 24 dicembre 2014)
Donazioni umanitarie per costruire alberghi di lusso e nuove baraccopoli
 
Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), 80.000 personevivevano ancora nei campi, nel dicembre 2014, una diminuzione del 92% dall'inizio della crisi quando 1,5 milioni di persone erano senza casa. Ma l'organizzazione non dice dove sono andati coloro che hanno lasciato i campi.
Un anno fa, Haiti Grass Roots Watch ha scritto che 200.000 vittime del terremoto avevano lasciato i campi di fortuna per le "tre nuove baraccopoli note come Canaan, Onaville e Gerusalemme". E i progetti di edilizia abitativa pagati dagenerose donazioni?
Chi vive in queste case? Chi controlla i progetti? I residenti possono permettersi l'affitto o il mutuo? E sono vere vittime del terremoto?[...]
In totale, i progetti hanno permesso di costruire fino a 3588 case o appartamenti per un costo complessivo di circa 88 milioni di dollari, secondo i dati del governo. (Va notato, tuttavia, che i donatori internazionali e le agenzie umanitarie private hanno speso più di cinque volte tale importo - circa 500 milioni di dollari - per dei "rifugi temporanei", chiamati "T-Shelters" [...] 
Il 21 luglio 2011, il presidente Martelly, l'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e il primo ministro Jean Max Bellerive hanno inaugurato l'Expo Habitat: una mostra di circa 60 modelli di case a Zoranje [...]
Tutti sono d'accordo che l'Expo è stato un fallimentoPoche persone l'hanno visitato e ancora meno persone hanno scelto un modello per il loro progetto di ricostruzione. Molti modelli presentati erano molto costosi rispetto agli standard di Haiti. (Questionnements sur les projets de logements de la reconstruction, Ayiti Kale Je, 8 janvier, 2013)
Mentre centinaia di migliaia di persone vivono ancora in campi di fortuna, grandi somme di donazioni sono state spese per la costruzione di alberghi di lusso. Come abbiamo riferito nel 2013:
Oggi, così come 300.000 haitiani vivono ancora nei campi, così "un nuovo hotel Marriott sorge dalle macerie di Haiti e ha ricevuto un notevole sostegno finanziario per 26,5 milioni dalla International Financial Corporation (IFC) membro del Gruppo della Banca mondiale [...]
L'IFC fa parte del Gruppo della Banca Mondiale. La Banca Mondiale è stata bersaglio di critiche per iniziative quali il Projet national de développement communautaire participatif (PRODEP). In seguito a un'indagine durata otto mesi, Haiti Grassroots Watch ha rilevato che PRODEP "ha contribuito a minare uno stato già debole, ha danneggiato il "tessuto sociale di Haiti", ha attuato quello che potrebbe essere definito un "ingegneria politica e sociale", sollevato questioni di sprechi e corruzione [...] ha contribuito a rafforzare lo status di" Repubblica delle ONG" di Haiti [...] ha danneggiato i sistemi di solidarietà tradizionali e, in alcuni casi, aumentato il potere delle élite locali. (Julie Lévesque, Haiti “Reconstruction”: Luxury Hotels, Sweat Shops and Deregulation for the Foreign Corporate Elite, Global Research, 16 Agosto 2013).
E nel 2012:
Nell'ambito della "ricostruzione" del PaeseLa Clinton-Bush Haiti Fundrecentemente ha investito 2 milioni di dollari al Royal Oasis Hotel, un resort di lusso costruito in un'area metropolitana colpita da povertà e "piena di campi di sfollati abitati da centinaia di migliaia di persone".(Julie Lévesque, HAITI: Les dons aux victimes du séisme investis dans un hôtel cinq étoiles, Mondialisation.ca, 10 luglio 2012)
L'hotel a 5 stelle. Reale Oasis

Nel 2013 è stato riferito che "gli haitiani guadagnano meno oggi che sotto la dittatura Duvalier" A meno che non ci sono stati cambiamenti nel corso dell'anno passato, gli haitiani che lavorano nel grande parco industriale Caracol, aperto nel marzo 2013, finiscono la loro giornata di lavoro con un magro 1,36 dollari dopo aver pagato per i loro pasti e trasporti. Se lo sfruttamento non fosse abbastanza, la costruzione della gigantesca azienda tessile sfruttatrice della manodopera ha sbattuto fuori i coltivatori da uno dei granai di Haiti mentre il paese ha bisogno di cibo.
[Haiti Grassroots Watch] ha anche appreso che la maggior parte degli agricoltori cacciati dai loro appezzamenti per far posto al parco industriale sono ancora senza terra.
"Prima, Caracol era il granaio del Dipartimento del Nord", ha detto Breus Wilcien, uno dei contadini sfrattati della zona di 250 ettari."Attualmente c'è una carenza di alcuni prodotti nei mercati locali. Siamo piantati lì nella miseria".  (The Caracol Industrial Park: Worth the risk? Ayiti Kale Je, 7 marzo 2013)
L'inquilino principale Caracol è produttore di abbigliamento coreano Sae-A, importante fornitore di distributori come Wal-Mart, e dei brand Ralph Lauren, Donna Karen New York, Gap, Zara, Old Navy, H & M e altri.
Gli haitiani sono stati ancora una volta traditi dalla comunità internazionale:
Nel 2015, gli haitiani si trovano a lottare con le unghie e con i denti, nel cuore di nuovi movimenti politici per creare il progetto di costruzione nazionale promesso dai principali governi e le organizzazioni umanitarie che lo hanno crudelmente tradito [...]
Le promesse di aiuti umanitari del valore di miliardi di dollari che dovevano raggiungere le masse si sono dimostrati in gran parte illusori.
Nei mesi successivi al terremoto, uno dei punti chiave era che la governance democratica e la sovranità nazionale, sono strumenti essenziali per la costruzione di Haiti su basi nuove e progressiste.Oggi, la mancanza di democrazia e di sovranità sono l'epicentro della tempesta politica che sta scuotendo il paese.  (Travis Ross et Roger Annis,  La reconstruction d’Haïti est promise Unfulfilled que les Haïtiens Défi régime autoritaire , Haïti Liberté, 7 janvier, 2015)
 fonte: vocidallastrada.

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...