viernes, 27 de febrero de 2015

Venezuela/caracazo: A 26 anni dalla Prima Insurrezione contro il FMI - Arrestato Antonio Ledezma (+ foto)

GENOCIDI di IERI, GOLPISTI OGGI - CHI E' ANTONIO LEDEZMA? - COINVOLTI USA, CANADA e ISRAELE

Attilio Folliero Oggi è un giorno triste per il Venezuela. È L’anniversario del cosiddetto “Caracazo”, la ribellione del popolo venezuelano contro il neoliberismo, contro il Fondo Monetario Internazionale e contro il proprio governo.

Il 27 febbraio del 1989 scoppiò una grande protesta popolare a Caracas e nelle altre città del Venezuela. Il popolo protestava contro le misure neoliberali adottate dal Governo di Carlos Andrés Perez. Le proteste furono duramente stroncate nel sangue:
migliaia furono i morti; migliaia di venezuelani, soprattutto a Caracas, furono assassinati dalla repressione della Polizia Metropolitana e dei militari agli ordini del Ministro della Difesa, l’italo-venezuelano Italo del Valle Alliegro.

Migliaia di uomini, donne e bambini furono trucidati. Non si è mai saputo esattamente quanti furono i morti, ma è certo che furono migliaia. Migliaia di uomini, donne e bambini che semplicemente reclamavano un tozzo di pane, una arepa, un piatto di pasta e furono uccisi, o desaparecidos.

La repressione non terminò con la fine delle manifestazioni di protesta, l’8 marzo del 1989. Il Caracazo fu l’occasione per la sospensione delle garanzie costituzionali e l’istituzione del coprifuoco alle sei di sera. Gli organi dell’apparato repressivo grazie al coprifuoco ed alla sospensione delle garanzie costituzionali potevano sparare a vista e abusando di questa facoltà terminarono per "giustiziare" tante persone considerate o semplicemente sospettate di essere guerriglieri, attivisti o simpatizzanti di sinistra. Insomma ebbero carta libera per ammazzare impunemente.

Nessuno dei responsabili del massacro è stato condannato: nè Carlos Andés Perez, allora Presidente della Repubblica, né il suo ministro più coinvolto, Italo del Valle Alliegro; né Antonio Ledezma, deputato, segretario personale del Presidente Perez ed uomo di spicco del partito di governo, “Acción Democrática”.



Per ironia della sorte, Antonio Ledezma è finito in carcere, alla vigilia del ventiseiesimo aniversario del caracazo. Ovviamente non è stato arrestato per le sue responsabilità nel Caracazo, ma perchè coinvolto in un recente tentativo di colpo di stato.
Antonio Ledezma è uno di quei politici maggiormanete compromessi con la repressione della Quarta Repubblica: Deputado per il Consiglio Regionale dello stato Guárico (1979-1984), Deputato (1984-1992), Governatore di Caracas (1992-1993), Senatore (1994-1996), con l’incarico di vicepresidente del Senato (1994-1995), Sindaco di Caracas (1996-2000) e Sindaco del Distretto Metropolitano di Caracas (dal 2008 ad oggi).

Era segretario personale del Presidente Carlos Andrés Pérez all’epoca dei fatti del Caracazo e pertanto uno dei principali responsabili della repressione del popolo (1).

Ledezma, oltre ad avere forti responsabilità negli abusi commessi dagli organi poliziali durante il Caracazo è il responsabile morale e materiale di numerosi atti di inaudita repressione (2). Quando fu nominato Governato del Distretto Federale di Caracas (1992), la sua gestione si caratterizzò appunto per la forte repressione.

È il responsabile del massacro occorso nel noviembre del 1992 nel “Retén de Catia”, un terribile carcere chiuso con l’avvento di Hugo Chavez al governo. In quell’occasione furono assassinati dalla polizia più di 200 carcerati presumibilmente in fuga. Secondo vari testimoni dell’epoca, fu il proprio Ledezma a dare l’ordine di aprire le porte del carcere e stimolare la fuga collettiva, per poi ordinare alla polizia di aprire il fuoco contro i fuggitivi (3). Altri 63 detenuti venivano barbaramente assassinati nello stesso carcere, sempre quell’anno, per mano della Polizia Metropolitana e della Guardia Nazionale. Ledezma come Governatore di Caracas dirigeva la Polizia Metropolitana e ne era il massimo responsabile.

Ledezma è stato anche il responsabile della dura repressione contro gli studenti, molti dei quali sono morti, altri feriti ed arrestati. In particolare si ricorda l’azione illegale della polizia, ai suoi ordini, che entrò nel recinto della Università Centrale (UCV) e catturò 13 studenti che protestavano per l’istituzione di un prezzo ridotto per gli studenti nei trasporti pubblici. L’allora rettore della UCV, Fuenmayor, denunciò l’illegalità con cui erano entrati i poliziotti, in borghese ed incappucciati. I fatti furono conosciuti grazie alla testimonianza di un ragazzo statunitense, Mark Zuchelly, che si trovava per puro caso all’interno della UCV, quando venne catturato, assieme agli studenti, da soggetti incappucciati (4).

Ledezma il 3 di febbraio del 1992, il giorno anteriore la ribellione militare di Hugo Chavez, ordinò la repressione dei pensionati, inermi vecchietti che semplicemente protestavano per la mancata riscossione della pensione; molti vecchietti furono selvaggiamente pestati dalla polizia e molti finirono in carcere.

Ledezma è il responsabile della morte, all’interno della UCV nel 1993, della giornalista Maria Veronica Tessari, colpita da una bomba lacrimogena lanciata dalla polizia e deceduta dopo mesi di coma; altri tre giornalisti rimasero feriti durante quella stessa azione repressiva (5). I giornalisti coprivano le manifestazioni degli studenti che chiedevano la restituzione delle garanzie costituzionali, sospese all’indomani della ribellione militare di Hugo Chavez.

Decine furono le vittime della repressione della Polizia Metropolitana di Antonio Ledezma contro manifestazioni popolari e settori della popolazione; per esempio nel 1996 muore Leonarda Reyes, una venditrice ambulante vittima della repressione contro i venditori ambulanti. In un paese in forte crisi, dove la povertà era superiore all’80% (6) e la disoccupazione raggiungeva livelli altimssimi, per milioni di venezuelani l’unico modo di guadagnare qualcosa era vendendo per la strada o lavorando nel cosiddetto settore informale. Durissima fu la repressione della Polizia agli ordini di Ledezma contro questi venezuelani.


Il periodo di governo di Ledezma si caratterizzò anche per la dura repressione contro gli immigrati; migliaia di colombiani ed haitiani che fuggivano dalla povertà, dalla guerra civile e dalla repressione del loro paese venivano catturati per strada o nelle loro residenze ed espulsi dal paese nel giro di poche ore. Tantissimi bambini piccoli, i cui padri cadevano vittime di questa repentina deportazione, rimasero completamente abbandonati. Ledezma ha sulla coscienza anche la separazione di centinaia di famiglie.

Perchè è stato arrestato Antonio Ledezma? Antonio Ledezma è stato arrestato il 19 febbraio 2015 su ordine di cattura spiccato da un magistrato; subito dopo, è stato posto a disposizone del tribunale che ha convalidato l’arresto.

Ledezma è stato arrestato per il suo coinvolgimento nel tentato colpo di stato contro il governo costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Il 12 febbraio scorso in Venezuela è stato sventato l’ennesimo colpo di stato e vari ufficiali sono stati arrestati. Sono state proprio le rivelazioni di questi militari arrestati a coinvolgere Antonio Ledezma; le rivelazioni hanno trovato conferma anche nei documenti archiviati nei computer sequestarti ai militari coinvolti in questo golpe. Inoltre, i servizi di intelligenza hanno intercettato telefonate ed email in cui appare evidente il coinvolgimento di Ledezma in questo tentativo di golpe.

Intercettazioni telefoniche tra Antonio Ledezma e Henry Salazar, militare statunitense

Ricordiamo che il piano golpista prevedeva di scatenare il caos a Caracas, attraverso il bombardamento di numerosi punti strategici: il Palazzo Presidenziale, il Ministero della Difesa, il Ministero degli Interni, il Ministero degli Esteri, il Parlamento, la sede del Consiglio Nazionale Elettorale, il Tribunale Supremo, il canale televisivo Telesur e la sede dei servizi di intelligenza (SEBIN).



Stando alle dichiarazioni dei militari arrestati, i punti strategici da bombardare sono stati opportunamente selezionati dal deputato Julio Borges, per il quale non è ancora scattato l’arresto, in quanto gode dell’immunità parlamentare. Nelle prossime ore il parlamento dovrà pronunciarsi sulla questione ed è probabile che anche questo deputato finisca davanti ad un tribunale.

Come ulteriore prova del coinvolgimento di Ledezma in questo tentativo di golpe, c’è un documento-manifesto pubblicato l’11 febbraio del 2011 nel quotidiano “El Nacional”. Un documuento a firma di Antonio Ledezma, Leopoldo Lopez e Maria Corina Machado in cui si parla di una transizione dopo la rinuncia del presidente e di tutti coloro che ricoprono cariche pubbliche; si parla anche di nuove elezioni presidenziali. In tema economico, in tale documento si parla espressamente di inserire nuovamente il Venezuela nei circuiti finanziari internazionali ed ottenere appoggi economici necessari a superare le difficolta del paese. In sostanza si parla di tornare a chiedere prestiti al FMI e World Bank. Inoltre, si parla di elevare significativamente la produzione petrolífera. In pratica, in questo documento si prospetta uno sconvolgimento dell’ordine costituzionale (7). La pubblicazione di questo documento doveva rappresentare il segnale per l’inizio del colpo di stato.

Inoltre, è bene ricordare che lo scorso anno, in occasione delle proteste scatenate dall’opposizione che provocarono la morte di 43 persone ed il ferimento di circa un migliaio, è stato arrestato in Colombia un giovane venezuelano di nome Lorent Saleh; questi era in Colombia per coinvolgere paramilitari e narcotraficcanti di questo paese in un tentativo di colpo di stato in Venezuela o comuqnue in atti di violenza. Ebbene il giovane, poi estradato in Venezuela, in vari video ha candidatamente confessato la sua vicinanza ad Antonio Ledezma, oltre che ad Alvaro Uribe.

Occorre ancora ricordare che il famoso giornalista venezuelano, José Vicente Rangel, nel 2013 aveva denuciato l’acquisto di aerei da guerra da parte di imprenditori venezuelani, profughi della giustizia venezuelana e personaggi legati all’impresa petrolifera colombiana “Pacific Rubiales”. Tali aerei furono acquistati a San Antonio, in Texas il 27 maggio del 2013 e “parcheggiati” in una delle basi militari statunitensi in Colombia, probabilmente in quella di Malambo, nei pressi di Barranquilla (8).

Il bombardamento delle istituzioni venezuelane doveva avvenire tramite aerei da guerra, in partenza da qualche base militare statunitense in Colombia; probabilmente si tratta degli stessi aerei di cui alla denuncia del giornalista venezuelano.

I militari coinvolti in questo golpe avevano ricevuto un visto d’ingresso per gli Stati Uniti; ossia il piano prevedeva che dopo il golpe questi militari avrebbero in ogni caso lasciato il venezuela. Ciò lascia suporre che l’obiettivo di questi militari non era impadronirsi del podere in se, ma scatenare il caos. A questo punto è lecito chiedersi: “Per quale ragione scatenare il caos?”. Probabilmente per dare la scusa agli Stati Uniti di intervenire militarmente. Gli USA di fronte a tale situazione di caos, crisi e violenza sarebbero intervenuti per presunti motivi umanitari e per tutelare i propri interessi petrolíferi.

Jorge Rodríguez, membro della direzione nazionale del Partito Socialista e Sindaco di Caracas in una intervista rilasciata al giornalista Valdimir Villegas di Globovision (9) ha denunciato i numerosi viaggi all’estero di Antonio Ledezma e le relative spese ammontanti ad oltre 600.000 dollari. Rodriguez ha reso noto che Ledezma ha viaggiato spesso negli USA, in Colombia, in Spagna ed in Israele; in Israele oltre ad incontrarsi segretamente con Benyamin Netanyahu e Avigdor Lieberman si è incontrato con membri del Mossad.

Il Mossad a quanto pare aveva un ruolo importante in questo colpo di stato: era incaricato di sequestrare, catturare o eliminare i principali membri della classe dirigente del Venezuela (10). Si parla ovviamente di qualche migliaio di dirigenti, fra presidente, ministri, governatori ed alti funzionari dello stato. Orbene, per catturare un migliaio di persone è necessario disporre di un vero e proprio esercito, di migliaia e migliaia di uomini presenti nel territorio, ben addestrati e totalmente a conoscenza del paese. A questo punto bisgna ritenere che nel paese ci siano migliaia di persone a disposizone del Mossad. Agenti o cittadini al servizio del Mossad che in qualsasi momento possono attivarsi. Chi sono? Questi non sono stati scoperti, per cui il pericolo continua.

In definitiva in questo colpo di stato erano coinvolti vari paesi, dagli USA, al Canada a Israele e Antonio Ledezma era uno dei protagonisti.

Fortunatamente il golpe è stato sventato ed oggi in questa triste ricorrenza del Carcazo, uno dei responsabili di quel massacro è finito in carcere.

_fonte: Umbvrei qui
__________
Note

(1)  Sulle responsabilità e gli eccidi di Antonio Ledezma, vedasi articolo in spagnolo “Conozca el prontuario de Antonio Ledezma Díaz”, Url: http://la-tabla.blogspot.com/2015/02/conozca-el-prontuario-de-antonio.html

(2)  Vedasi articolo in spagnolo: “Ministra Faría revela prontuario de violencia y represión de Ledezma”, Url:http://www.antv.gob.ve/m9/ns_noticias_antv.asp?id=58864

(3)  Vedasi nota 1

(4)  Vedasi libro in spagnolo “Protesta estudiantil y represión en Venezuela 1983–1993”, consultabile all’Url:http://hoyvenezuela.info/wp-content/uploads/2015/02/Leer-protesta-estudiantil-y-represi%C3%B3n-en-Venezuela-1983-1993.pdf

(5)  Vedasi articolo in spagnolo “Ucevistas recuerdan a Ledezma como responsable de políticas represoras contra estudiantes”, Url: http://www.avn.info.ve/contenido/ucevistas-recuerdan-ledezma-como-responsable-pol%C3%ADticas-represoras-contra-estudiantes e “¿Quién es Antonio Ledezma?”, Url:http://www.vtv.gob.ve/articulos/2015/02/20/quien-es-antonio-ledezma-7451.html;

(6)  La povertà in Venezuela fu superiore all’80% nel corso degli anni 90, secondo dati del BCV, Url:http://umbvrei.blogspot.com/2013/06/venezuela-pobres-y-pobres-extremos.html;

(7)  Il testo completo del documento può leggersi all’Url: http://www.ventevenezuela.org/comunicado/; Per una analisi dettagliata del documento, vedasi articolo in spagnolo “El Acuerdo para la Transición de Machado, Ledezma y López: Lo que dice, y lo que no dice”, Url: http://albaciudad.org/wp/index.php/2015/02/lo-que-realmente-dice-el-acuerdo-para-la-transicion-de-maria-corina-machado-ledezma-y-lopez/

(8)  Vedasi articolo in spagnolo “Rangel reitera denuncia de compra de aviones de guerra para agresión contra Venezuela” del 23/06/2013, Url: http://www.avn.info.ve/contenido/rangel-reitera-denuncia-compra-aviones-guerra-para-agresi%C3%B3n-contra-venezuela

(9)  Le dichiarazioni di Jorge Rodriguez sono avvenute durante l’intervista rilasciata al giornalista Vladimir Villegas, nel programa “Valdimir a la 1” andata in onda in Globovision il 20/02/2015

(10)  Vedasi sul tema articolo in spagnolo “Golpe de Estado en Venezuela: Hasta Israel está involucrado”, Url:http://losotrosjudios.com/2015/02/23/golpe-de-estado-en-venezuela-hasta-israel-esta-involucrado/

Caracas 1989:
 NO al FMI 
Prima Insurrezzione popolare anti-FMI 
costo migliaia di morti !























Gli USA, depositari universali e professori di "diritti umani" non hanno mai condannato o criticato gli esecutori materiali di questi crimini. Dal 1989 sino ai nostri giorni, hanno protetto e li premiano, dando asilo a politici e sgherri che applicarono il diktat del FMI. Oggi, feebbraio del 2015, Washington difende a spada tratta Antonio Ledezma, che scatenó la dissolta  Polizia Metropolitana contro la popolazione civile. Fino al punto di trasformarlo in "martire della dittatura di Maduro". Non c'é limite al cinismo.






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...