martes, 18 de septiembre de 2007

Italia- Una scuola media contro "l'isola dei famosi" in Honduras

PIOMBINO. Stop ai reality show che calpestano i diritti delle popolazioni indigene.
I ragazzi della 1G della Scuola media Guardi hanno preparato un appello da inviare al direttore di Rai 2 Claudio Cappon in cui si richiede la sospensione del programma televisivo “L’isola dei Famosi”. In meno di un mese hanno raccolto 725 firme che hanno appena consegnato all’assessore alla pubblica istruzione Anna Tempestini. Gli studenti hanno preso posizione dopo aver lavorato per tutto l’anno al progetto Scream, contro il lavoro minorile, supportato dalla provincia di Pisa, dall’Ilo e dall’Unicef. Durante lo svolgimento del percorso sui diritti umani, i bambini hanno letto un articolo di Betty Schiavon pubblicato sul mensile “Popoli”, in cui si parlava dell’ultima edizione del programma televisivo realizzato a Cayo Paloma, in Honduras, una delle tredici isole dei Cayos Cochinos.

Nell’articolo sono spiegati i danni causati dalla presenza dei concorrenti del programma e della troupe televisiva all’ambiente dell’isola e alla comunità locale dei Garifuna, popolo insediato a Cayo Paloma da circa duecento anni, che vive principalmente di pesca.

«Il reality ha creato danni per i Garifuna e di conseguenza ai bambini del posto, che sono l’anello più debole della società - si legge nell’appello preparato dagli alunni - durante lo svolgimento del reality l’accesso a tre delle isole delle Cayos Cochinos è stato negato agli indigeni, per evitare che qualche pescatore compromettesse l’illusione dello spettatore di avere davanti agli occhi un’isola disabitata.
Inoltre i continui trasporti effettuati dagli operatori Rai hanno messo in fuga le tartarughe marine che ogni anno depongono lì le uova.
L’audience era più importante della pesca quotidiana e della sopravvivenza stessa di una popolazione che vive in quella zona da duecento anni. Noi bambini chiediamo che reality come l’Isola dei famosi non si ripetano più».

Gli alunni della scuola Guardi hanno portato tempo fa la proposta al consiglio comunale aperto sui problemi dell’infanzia, in cui il sindaco Gianni Anselmi ha firmato l’appello insieme con alcuni assessori e con la quasi totalità dei consiglieri presenti.
L’impegno iniziale dei ragazzi si è brevemente trasformato in una bella esperienza di partecipazione diretta.Tutti gli alunni della sede di via Togliatti hanno aderito all’iniziativa, con la maggior parte dei docenti della scuola. Gli alunni della 1G e della 1E hanno poi iniziato una raccolta di firme tra familiari e conoscenti riuscendone a raccogliere 725 in meno di un mese.

Manca un mese all’inizio del programma e i ragazzi non intendono mollare un centimetro. «Il progetto Scream e la presa di posizione contro i reality hanno dato ai ragazzi un esempio concreto di democrazia diretta - commenta la professoressa Lucilla Lazzarini, coordinatrice dell’iniziativa - gli alunni hanno imparato che possono lottare per ottenere quello che vogliono».

Gualanaka.blogspot.com