viernes, 8 de octubre de 2010

Vargas Llosa: Nobel per meriti letterari o neoliberisti?

La geopolitica culturale del Nobel

Tito Pulsinelli

Lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa ha inaspettatamente ricevuto il premio Nobel per la letteratura. Il primo a stupirsi è stato proprio l’autore de “La città e i cani” (1963), “La casa verde” (1966), “La zia Julia e lo scribacchino” (1977). Credeva fosse uno scherzo di cattivo gusto. Infatti, è consapevole che le cose migliori che ha scritto, tradotte e conosciute in tutto il mondo, risalgono a 40 anni fa. Mario sa che il meglio –come scrittore- risale agli anni giovanili quando adorava Gabriel Garcia Marquez, a cui dedicó la sua tesi di dottorato.

L’illustre peruviano che vive all’estero da quando furono impietosamente stroncate le sue aspirazioni alla presidenza del suo Paese d’origine, ha tenuto a mettere in chiaro che –se a Stoccolma si sono tardivamente ricordati di lui- è per i suoi libri, non per la sua attività politica. Molte energie ha dedicato per stare alla testa della coalizione di destra del Fredemo. Milita come “penna engagé” per dar lustro al neoliberismo, sulle pagine del giornale spagnolo El País e dei maggiori quotidiani reazionari latinoamericani.

Nessuno può negare il talento narrativo di Vargas Llosa, solo il comitato d’affari di Stoccolma può averlo olimpicamente ignorato per quattro lunghi decenni. E’ lecito domandarsi, pertanto, che cosa abbia indotto oggi questi “saggi” a dare l’alloro al gran narratore peruviano di ieri, scaduto a panphletista neoliberista ortodosso.

Non ha molta credibilità la motivazione ufficiale di “grande innovatore dell’idioma spagnolo”, in passato attribuita al poeta messicano Octavio Paz. Lascia perplessi anche che ritengono Vargas Llosa un “cartografo delle strutture di potere”. Visto che Vargas Llosa ha subito una curiosa metamorfosi: dall’adorazione di Fidel Castro ad apologeta della destra oligarchica latinoamericana. Incapace, questa, di emendarsi del golpismo latente e restauratore, venato di nostastalgie neocoloniali. E’ un rilevante romanziere, ma non ha rinnovato il castigliano.

Dopo il Nobel della Pace attribuito a un uomo di Stato impegnato in due guerre d’invasione simultanee, non c’è da stupirsi più di nulla. Il premio Nobel, quando non soggiace alle logiche degli interessi geopolitici, si inchina a quelle più smaccate della politica spicciola. Ed evidenzia sempre più i tratti somatici di un Comitato per la Propaganda indiretta delle elites europee.

A Stoccolma agiscono per ingigantire la polarizzazione del mondo contemporaneo, come manifesto veicolo della cultura-spettacolo ridotta a puro spettacolo manicheo. Dopo Obama, è meritevole del premio il dissidente cinese Lu Xiaobo, non le argentine Nonne della Plaza de Mayo che –persino i lettori del Corriere della sera- votavano come loro favorite.

Il Nobel interpreta a meraviglia la melliflua ipocrisia occidentale. Trasferiscono in Cina le loro multinazionali per godere del miele dei bassi salari e dello sfruttamento dei cinesi, grazie alla legislazione e alle caratteristiche delle istituzioni di quel gran Paese. Poi si coprono con la foglia di fico di un Nobel o con i rituali sermoni sui “diritti umani”. Non quelli salariali, sindacali, previdenziali o sociali dei cinesi e degli europei.



3 comentarios:

fabriziolorusso dijo...

Mi sembra una buona analisi e, in effetti, Vargas Llosa é un personaggio quanto meno controverso. Non discordo con lui su tutto in politica ma bisogna proprio ammettere che s'e' dimostrato intransigente ed elitista (ho letto anche quel libro che sta nella foto del post...) riguardo alla relazione col suo stesso popolo e altre nazioni/etnie oppresse da secoli che cercano vie alternative di lottare e cambiare le cose. A volte sbagliano ma spesso vengono criticate ingiustamente come fossero bambini "idioti" appunto come dice il titolo provocatorio del libro...poi son sempre loro che prendono le batoste pero'...come a Oaxaca per esempio.

Alessandro Zara dijo...

Coincido al cento per cento con Tito. Abito a Madrid e prima abitavo a Caracas, e quindi mi sorbisco spesso i suoi articoli su El Nacional, El Universal e El País.
Ho solo da aggiungere che non contento di continuare a scivolare sempre piú a destra, é anche molto attivo nella sua difesa della tauromachía, un'altra barbarie che dovrebbe scomparire.

Anónimo dijo...

Il giurista norvegese F.S.Heffermhel ha criticato con queste parole:"..è un abuso politico del Premio Nobel della Pace".
Per Heffermehl "i membri del Comitato si lasciano guidare dalla politica estera della Norvegia, fortemente dominata da concezioni militari e una lealtà totale alla NATO".

Heffermehl è l'autore del libro "La volontà del Nobel". Provate a contare a quanti Presidenti di Israele è stato consegnato un Nobel. Praticamente, tutti! Compresi quelli che nella loro gioventù furono dei terroristi anti-inglesi nelle fila di Haganà.

Il prestigio del Nobel è in ribasso: è guidato da logiche scopertamente politiche ed occidentaliste:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...