miércoles, 18 de septiembre de 2013

Ecuador: Le mani sporche della Chevron

“Ecuador, América Latina y el mundo esta es una de las mentiras de la empresa Chevron que destrozaron la selva amazónica y la vida”, señaló Correa al mostrar su mano con restos de petróleo dejados por la empresa en selva ecuatoriana.
  CHEVRON RIFIUTA di RISARCIRE 19 MILIARDI  di DOLLARI
   uno di peggiori disastri ambientali avvenuti nel pianeta
 -Il presidente dell'Ecuador Rafael Correa, ha visitato l'Amazzonia, esattamente il luogo del delitto ecologico più atroce commesso dalla multinazionale Chevron.  La compagnia USA rifiuta ogni responsabilità civile e penale, ed ha mobilitato un esercito di 900 avvocati per non versare un solo dollaro allo stato ecuadoriano. Nel
processo per il delitto ambientale contro l'ecosistema dell'Amazzonia, dopo 26 anni, sono evidenti i rifiuti tossici lasciati dalla Texaco. Poi la compagnia petrolifera cambiò  nome, assumendo quello attuale di Chevron, ma non cambiò la pretesa di negare ogni responsabilità e negare ogni tipo di intervento di bonifica dell'area contaminata.

Non è tutto, perchè la Chevron ha aperto un processo contro lo stato dell'Ecuador presso un tribunale dell'Aja, in cui pretende non solo lavarsi le mani, ma scaricare sulla nazione andina le sue responsabilità inoppugnabili. Utiliza pretestuosamente un trattato bilaterale sugli investimenti che cerca di applicarre in modo retroattivo, quando non contempla questa posibilità. La multinazionale reagisce in questo modo contro una sentenza di un tribunale dell'Ecuador che la condannava risarcimento di ben 19 miliardi di dollari.

 La Chevron non riconosce la sovranità, meno ancora l'autorità del potere giudiziario d'una nazione, e ricorre alla Corte preferita dalle multinazionali che -finora- nel 72% dei casi ha sempre dato torto ai Paesi. Chevron si rifugia all'Aja per negare il diritto degli indigeni dell'Amazzonia a che gli restituisca un ambiente bonificato, meno tossico. L'ecocidio della Chevron è uno di peggiori disastri ambientali avvenuti nel pianeta, ha detto il presidente Correa, "supera persino quelli della BP nel Golfo del Messico e della Exxon Valdez en Alaska".
E' in corso una campagna di denuncia a livello internazionale contro l'autentico terrorismo ecologico ai danni della bio-diversità dell'Amazzonia: Il presidente Correa ha chiesto ai cittadini dl mondo a non comprare prodotti della Chevro.

La Chevron, contemporaneamente, ha in corso un altro analogo processo contro il Venezuela, in cui pretende ben 27 miliardi di dollari. Praticamente, vorrebbe impadronirsi della sua riserva monetaria!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...